Guerra in Ucraina

Da Irpen le storie di chi fugge: «Abbiamo perso casa per la seconda volta»

Già nel 2014 correvano via dai bombardamenti della “Grande orsa”. All’epoca fuggivano dal Luhansk e dal Donetsk

1
di Giusy Criscuolo
10 giugno 2022
20:30

Sono decine le chiamate e i messaggi che ogni giorno ricevo dai miei contatti e ogni giorno mi narrano storie e mi fanno presente che con il tempo la gente sta iniziando ad avere il coraggio di raccontare. Quindi in attesa di ritrovarmi tra di loro, mi confronto con quei mezzi che oggi sono la nostra salvezza e al contempo la nostra condanna.

Così nascono le storie e i racconti di chi vive e ha vissuto sulla propria pelle il dramma. A molti non farà piacere leggere di “Storie Reali” sempre meglio una bella “bugia”, ma mi auguro che coloro che si elevano a giudici senza esserlo, non subiscano mai e poi mai ciò che nel XXI secolo stanno vivendo queste persone. Chiariamoci dalle une e dalle altre parti. È normale che chi appoggia “i guelfi” non può che raccontare male dei “ghibellini” e così al contrario. Nessuno è esente da violenze gratuite, morti e paure.


Oggi vi racconto alcune storie di persone comuni a cui la “Grande Orsa” ha rubato le case per la seconda volta. Storie di residenti dell'Irpin che fuggono ancora dall’offensiva nemica.

Irpin, che abbiamo imparato a conoscere in questo periodo storico, si trova nell'Oblast di Kyiv, proprio accanto alla città di Kiev, nell'Ucraina settentrionale. Una parte di questa consiste nell’'insediamento di Kotsiubynske, che è un'enclave all'interno di Kiev.

La guerra non guarda in faccia nessuno e ancora una volta la Russia, come detto dai residenti, che sono persone come noi e non politici che hanno bisogno di fare propaganda, ha ancora una volta “rubato” la loro casa. Gli eroi di questa storia hanno vissuto la loro prima fuga nel 2014 e anche in quel caso correvano via dai bombardamenti della “Grande Orsa”. All’epoca fuggivano dal nativa Luhansk e dal Donetsk, e nel 2022 da Irpin. Ancora una volta, si sono ritrovati a fuggire dai russi con solo i loro zaini, ma questa volta costretti a fuggire dal fuoco di razzi e artiglieria.

Molti di questi residenti di Irpin hanno raccontato come è stato lasciare per la seconda volta la propria casa costruita con fatica, il nuovo riparo, la nuova vita. Penso che il solo pensiero di perdere la propria casa crea un disagio difficile da superare, ma perderla per la seconda volta, devi avere davvero i nervi di acciaio e una grande capacità di resilienza.

Maria Kryvoberets

Maria Kryvoberets viene dal Donetsk e vive ad Irpin da tre anni. Dice che l'appartamento è pieno di “regali” degli invasori russi e che tutte le finestre del complesso residenziale sono state rotte dai bombardamenti.

 “Hanno fatto irruzione in tutti i negozi: il negozio di scarpe, anche il negozio di giocattoli. – con un tono tra il rassegnato e il cinico aggiunge - È un peccato che non abbiamo un negozio di lingerie: adorano la lingerie”.

Parte della finestra rotta l’abbiamo coperta con una pellicola e in un'altra zona della casa abbiamo un buco che dà sulla strada - dice la donna.

Questa è la seconda volta che per colpa dei russi, Maria e la sua famiglia hanno quasi definitivamente perso la loro casa. Nel 2014 lei, suo marito e suo figlio hanno dovuto lasciare la loro nativa Donetsk. Tutto è rimasto lì: alloggio, averi, lavoro e solo adesso, dopo tre lunghi anni, in cui con fatica avevano ricostruito un futuro, si erano alzati in piedi e avevano comprato un appartamento accogliente è arrivata la nuova escalation.

Nessuno avrebbe mai immaginato che i russi sarebbero arrivati a tanto. “Quando le forze di occupazione sono entrate nella regione di Kiev, abbiamo pensato di aspettare a casa. Le forze armate ucraine riconquisteranno la città ci siamo detti. Nessuno avrebbe potuto pensare a tali cinici bombardamenti e atrocità da parte dei russi”.

Abbiamo già perso la nostra casa, quindi quando siamo partiti da qui il 7 marzo, pensavamo di aver perso la nostra casa per la seconda volta. Ci hanno evacuato in fretta e in furia e non abbiamo potuto portare nulla. Mio marito aveva un carlino tra le mani e io avevo i documenti nello zaino.

Qui, nel cortile, gli invasori hanno piazzato i loro carri armati, hanno passato la notte e, naturalmente, saccheggiato le nostre case”. Oggi che sono rientrati possono solo rimboccarsi le maniche e ricostruire da dove hanno lasciato. Quantomeno la casa, a differenza di altre case, non è stata completamente rasa al suolo.

Maxim Osovsky

Poi c’è la storia di Maxim Osovsky giornalista di Luhansk. Nel 2014, quando la città era già occupata, ha cercato di fare un reportage su cosa stesse realmente accadendo. Per questo, i militanti di allora, lo hanno preso e fatto prigioniero. Lo hanno picchiato in un freddo seminterrato per tre giorni e questa a detta di Maxim è stato il suo primo contatto ravvicinato con gli aggressori.

Il 24 febbraio, nel giorno del compleanno di sua madre, i russi sono tornati di nuovo per "salvarlo dal regime di Kyiv". Tutta la sua famiglia vive nella regione di Kiev. Suo fratello è a Gostomel, i suoi genitori sono a Vorzel. Sono riusciti a partire prima dell'occupazione, ma l'uomo è rimasto perché non sapeva dove andare.

Per due settimane sono rimasti senza comunicazione, luce e acqua, e con i vicini si sono seduti fuori ciò che restava delle case cucinando su un fuoco nel cortile. “Non sapevamo quali territori fossero stati catturati, così abbiamo deciso di fuggire verso il ponte distrutto di Romanivka, dove siamo stati evacuati. Abbiamo camminato per 12 km attraverso il bosco. Abbiamo visto di tutto, anche persone a cui avevano sparato”.

Nel racconto di Maxim si evince che non è rimasto nulla dell'appartamento del suo vicino. Qualcosa è volato sulla finestra della sua casa e i rottami hanno fracassato il muro.

A fine aprile abbiamo chiesto il risarcimento, ma finora non ci sono state chiamate”.

Sergey Shabrov

Infine la storia di Sergey Shabrov anche lui originario dell'Est, che è rimasto in città fino alla liberazione. Luisa bene chi è l'esercito russo, perché ha combattuto nel Nagorno-Karabakh durante l'era sovietica. Ma non ho mai pensato a cosa avrebbero potuto fare gli occupanti nel 2022.

Ero già un “liberatore”, quindi so cosa sta succedendo. Ho tenuto l'alloggio in modo che i russi non entrassero e non rubassero nulla. L'uomo dice di conoscere le tattiche dell'esercito russo, ma non ha mai visto una tale brutalità. Assicura che questo non è mai successo prima.

Oggi il loro cortile è affollato e i bambini hanno ripreso a giocare. Molti sono ritornati e i vicini riparano i danni creati dall’invasione. Secondo gli eroi, ricostruiremo le case fatiscenti. “La Russia potrà finalmente allontanarsi dai nostri territori e dare la pace al popolo ucraino.

I combattenti ucraini stanno resistendo con tutte le loro forze nel tentativo di cacciare l'esercito russo dal nostro territorio. Tuttavia, non tutto è così facile come vorremmo. Una delle zone più calde è Severodonetsk, dove i militari ucraini non hanno il diritto di ritirarsi in posizioni più vantaggiose, perché non possono e non vogliono perdere la loro terra”.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top