La guerra

Ucraina, troppi militari russi feriti: il Cremlino inizia a mobilitare i medici

La richiesta arriva direttamente dagli uomini impegnati sul campo di battaglia, che lamentano carenza medica e sanitaria di ogni genere. Gli stessi soldati, colpiti dal fuoco nemico, stanno sovraffollando gli ospedali

37
di Giusy Criscuolo
27 luglio 2022
18:07

L’arruolamento del personale medico avverrà in tutta la Russia, inclusa Mosca. Il Cremlino, ha già iniziato ad inviare medici nei territori occupati dell'Ucraina. La richiesta viene dal numeroso personale militare, che oltre ad essere ferito, lamenta carenza medica e sanitaria di ogni genere.

Gli ospedali russi nel Donbass, non sarebbero difatti in grado di far fronte all'attuale numero di soldati feriti durante il conflitto contro l’Ucraina. A detta di alcuni canali russi, banditi dalla Russia e dichiarati “Agenti Stranieri”, sarebbe iniziata una mobilitazione del personale medico nella Federazione. Secondo dati di intelligence, un gran numero di soldati russi feriti ha portato al sovraffollamento degli ospedali. Si è scoperto che la loro capacità non è progettata per un tale flusso, il che rende impossibile fornire cure mediche di qualità.


Gli stessi soldati comunicano con le famiglie che provano a trovare degli interlocutori che li metterebbero subito a tacere. La mobilitazione sembra riguardare tutti i professionisti delle specialità mediche, ma l'obiettivo principale è il personale nell’ambito chirurgico. Il GUR (Direzione principale dell’Intelligence ucraina) ha dichiarato: «In futuro, i medici mobilitati dovrebbero essere inviati nei territori temporaneamente occupati dell'Ucraina. In particolare, a Mariupol, Luhansk, Donetsk».

Secondo fonti sul fronte, i chirurghi sono considerati come elemento fondamentale da arruolare in prima linea. Tutti gli specialisti che non rientrano nella fascia del settore chirurgico, verranno comunque impiegati come personale medico di supporto in prima linea e nelle posizioni paramediche militari.

La carenza strutturale di ospedali, ha reso necessario per i russi nel Donetsk, la creazione di unità mobili mediche collocate all’interno di autobus, dove vengono allestite delle “cliniche mobili” improvvisate, anche per la cura dei civili. Inoltre è sempre tra popolazione civile, che cercherebbero i “donatori” di sangue per i militari feriti dell’Esercito russo nel DPR. Questa mobilitazione sarebbe segreta, ma in molti non ci stanno e cercano di comunicare a rischio della propria incolumità ciò che accade.

Il reclutamento dei medici sarebbe spontaneo per alcuni e “volontario” per altri. Ad ora si conoscerebbero due grossi team, entrambi inviati nel Donbass: uno partito da Omsk in Russia e inviato nel Luhansk e un team di volontari medici che dalla Crimea sono stati inviati nella regione di Kherson.

A tal proposito, il canale telegramma “We Can Explain” ha pubblicato un'ordinanza emessa dal Ministero della Salute del Territorio di Stavropol sulla distribuzione e il collocamento di laureati dell'università medica locale per tirocini. Il documento parlava di «assistenza sponsorizzata ai territori delle Repubbliche amiche del Donbass». Secondo il documento, 27 studenti del sesto anno avrebbero dovuto essere inviati nella LPR per un impiego. Una copia dell'ordine sarebbe stata fornita da uno studente di medicina, che rimanendo anonimo, avrebbe sostenuto che gli studenti non volevano andare in Ucraina e che avrebbero richiesto un incontro con il loro referente.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top