La guerra

Vadym Shishimarin, la storia del primo militare russo condannato da un tribunale ucraino

Il soldato che uccise un civile nel villaggio di Chupakhivka, venne condannato all'ergastolo lo scorso 23 maggio. Adesso l'avvocato avrebbe chiesto ai giudici di assolvere il suo cliente per una serie di errori in fase di condanna

34
di Giusy Criscuolo
30 luglio 2022
23:00
 Vadym Shishimarin durante una delle udienze in tribunale a Kiev - @ Credit AP Photo / Natacha Pisarenko
Vadym Shishimarin durante una delle udienze in tribunale a Kiev - @ Credit AP Photo / Natacha Pisarenko

Tutti ricorderanno il caso del militare russo Vadym Shishimarin, che il 28 febbraio scorso, subito dopo l’inizio della guerra contro l’Ucraina, il soldato uccise senza motivo con una mitragliatrice un residente di 62 anni disarmato nel villaggio di Chupakhivka (regione di Sumy), che stava andando in bicicletta. Freddato sul ciglio della strada, Oleksandr Shelipov morì sul colpo, a poche decine di metri da casa sua.

Shishimarin, 21 anni, dopo aver riportato alla memoria il ricordo, avrebbe ammesso una parziale colpevolezza, dichiarando che non aveva intenzione di uccidere un civile. Tuttavia, la corte non ha riconosciuto la sincerità del rimorso, quindi a restituirgli “la libertà” è stato l’aver cooperato alle indagini. Venendo condannato dal Tribunale di Kiev all’ergastolo. Questo accadeva il 23 maggio scorso.


Il militare in questione, in tribunale, ha successivamente chiesto perdono alla vedova dell'uomo che ha ucciso, dichiarando di non essere a conoscenza dei piani del comando per combattere in Ucraina. Le parole del ragazzo furono: «C'era un ordine dal nostro Comando, quello di muoversi come parte di una colonna. Non sapevo cosa sarebbe successo lì», ha detto l'occupante.

Secondo quanto riportato dai media ucraini e russi, i parenti di Vadym Shishimarin, avevano all’epoca del fatto affermato che avrebbero dovuto «semplicemente rimandarlo a casa». La nonna e il padre del soldato avevano dichiarato: «non sanno cosa fare in questa guerra» loro «non capiscono (i piani) della politica». Shishimarin è difatti diventato il primo militare russo dall'inizio «dell'operazione speciale» ad essere condannato da un tribunale ucraino.

La TASS, l’agenzia governativa russa scrive: «Il verdetto del tribunale distrettuale di Solomensky della città di Kiev del 23 maggio 2022 contro Shishimarin Vadim Evgenyevich è stato modificato. – si legge – Il giudice ha letto l’istanza di privazione della libertà su un canale YouTube».

Il 13 luglio, la Corte d'Appello di Kiev ha iniziato a esaminare la denuncia di Shishimarin contro la condanna all'ergastolo. Durante l'incontro, l'avvocato dell'imputato, Viktor Ovsyannikov, ha definito l'ergastolo «una misura troppo dura che non dovrebbe essere applicata, tenendo conto della resa volontaria e della confessione, che sono circostanze attenuanti».

L'avvocato avrebbe dunque chiesto al tribunale di assolvere il suo cliente dall'accusa di violazione delle regole e dei costumi di guerra, insistendo sul fatto che il tribunale ha erroneamente qualificato le azioni del condannato.

Cosa faranno i tribunali russi e del Donetsk con i militari ucraini? La pena di morte pende su alcuni di loro, e di altri non si avrebbero più notizie.

Non resta che attendere il decorso degli “eventi”.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top