Regione Calabria, la protesta dei precari: «Da 6 anni attendiamo stabilizzazione»

Sono i lavoratori del bacino ex legge 12 del 2014 che chiedono alla Giunta guidata dal ff Nino Spirlì l’iscrizione in bilancio dei fondi già individuati per dare copertura finanziaria

72
5 dicembre 2020
20:30
La Cittadella regionale
La Cittadella regionale

Protestano i precari della Regione Calabria che da 6 anni attendono di essere stabilizzati. Sono 209 in tutto e fanno riferimento alla legge 12 del 2014. In una nota manifestano tutto il loro disappunto per un atto formale, l'ultimo, che dopo tanti anni potrebbe garantirgli la stabilizzazione. 

«La contrattualizzazione dei lavoratori del bacino della Legge 12 è stata posta, in primis dall'assessore Talarico - scrivono in una nota - una questione di opportunità trattandosi di un periodo elettorale».


 

 

I 209 lavoratori, come detto, storia, attendono «ormai da 6 anni e più per avere un contratto, precari riconosciuti da una legge regionale con un estenuante percorso, una lunga serie di decreti e almeno quattro elenchi vagliati dal competente Dipartimento Lavoro di cui l'ultimo con una graduatoria ponderata secondo criteri ben definiti adottata con decreto n. 11614 dello scorso 12 novembre».

 

«Ora si è giunti alle porte di Natale - sopttolineano i precari - mentre tutte le procedure potevano essere espletate già ad ottobre-novembre dal momento che la Giunta, sotto la guida del compianto Presidente Santelli, aveva deliberato in tal senso nella seduta del 28 settembre 2020 e, successivamente, è stato stabilito il percorso per la contrattualizzazione dei lavoratori della Legge 12, previa uscita della relativa manifestazione d'interesse, come risulta dal verbale del tavolo tecnico del 14 ottobre scorso cui presero parte anche i rappresentanti sindacali delle maggiori sigle nazionali che lo hanno siglato unitamente  al Direttore Generale del Dipartimento Lavoro, Cosentino».

 

«Ci chiediamo - aggiungono - come mai per altre tipologie di lavoratori la stabilizzazione sia alla fine arrivata e per noi no? Infatti, per un altro bacino di poco meno di trecento lavoratori, a cui di fatto i lavoratori della Legge 12 sono equiparati essendo inseriti nella stessa Legge regionale di riferimento, la 1/2014, è stato possibile fin dal 2015 (sotto la giunta del Presidente Oliverio) iniziare un percorso di contrattualizzazione finalizzato alla stabilizzazione culminato nella deliberazione di giunta del 30 novembre scorso che ha sancito il passaggio del monte orario da 18 a 36 ore, mentre per noi “sfortunati” lavoratori della Legge 12, da sei anni senza contratto e in totale precarietà esistenziale, non è stato possibile ancora fare altrettanto».

 


«E ancora - sottolineano - Per un ulteriore ed altro bacino di lavoratori non riconosciuti precari da alcuna legge, come stabilito anche da una sentenza, il 30 novembre sono stati trovati 10 milioni di fondi aggiuntivi per un prolungamento annuale dei loro contratti mentre per i lavoratori della Legge 12 non è stata data alcuna opportunità di prolungamento/prosieguo dell’attività lavorativa, lasciando più di 200 famiglie in condizioni di disagio in un periodo già critico per via dell’emergenza Covid-19».

 


«Basta e manca poco per concludere l’iter, purché lo si voglia - concludono - Adesso ci aspettiamo che l’assessore al Lavoro porti in giunta l’atto per l’iscrizione in bilancio dei fondi già individuati per dare copertura finanziaria a questa legge e mettere fine alla lunga stagione del precariato».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top