Elezioni comunali

Ballottaggi in Calabria, ecco i nuovi sindaci eletti: Romeo a Vibo, Scarcella a Gioia Tauro e Faragalli a Montalto

VIDEO | Tre i comuni calabresi chiamati al voto. Spoglio iniziato alle 15. I risultati e gli aggiornamenti in tempo reale nella maratona andata in onda su LaC Tv

30
di Redazione Politica
24 giugno 2024
08:41

Alle 15 di oggi seggi chiusi per il secondo turno delle elezioni comunali. In Calabria il ballottaggio ha interessato i cittadini di tre comuniMontalto Uffugo, Vibo Valentia (unico capoluogo di provincia) e Gioia Tauro. LaC News24 e le altre testate del gruppo Diemmecom hanno seguito lo scrutinio in diretta per offrire i risultati in tempo reale attraverso la maratona elettorale. A condurre Dentro La Notizia - Speciale Ballottaggio Pier Paolo Cambareri e Francesca Lagoteta. Per rivedere la puntata, clicca qui

Eletti i nuovi sindaci nelle tre città chiamate al voto: Romeo a Vibo Valentia, Faragalli a Montalto e Scarcella a Gioia Tauro.


TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Ore 20:00- Incarnato: «A Vibo cade l'ultimo baluardo del centrodestra»

«Spira un forte vento di centrosinistra in Calabria dopo che anche l'ultimo baluardo del centrodestra, la città di Vibo Valentia, è capitolato con la vittoria di Enzo Romeo». Lo afferma il segretario regionale del Psi, Luigi Incarnato.

«È questo – sottolinea ancora Incarnato -un grande risultato che conferma la leadership del centrosinistra nei grandi centri, capoluoghi di provincia, oltre alla grande affermazione di Corigliano-Rossano con Flavio Stasi, riconfermato alla guida della città jonica. Tutto questo – afferma ancora il segretario regionale del Psi - non è frutto di casualità, ma discende dall'impegno dei candidati che hanno offerto un valore aggiunto, ma anche la capacità di mettere assieme forze in grado di contrastare le destre in Calabria che stanno dimostrando una inadeguatezza di governo mai registrata prima.

Queste vittorie – conclude Incarnato -dovranno dare forza e vita ad un progetto di cambiamento e ad un nuovo protagonismo dei Sindaci per bloccare ogni deriva in atto da parte della Regione, cedevole alle sirene nazionali su autonomia differenziata, sanità commissariata e tante altre materie che devono, per essere avviate a soluzione, vedere la partecipazione e il coinvolgimento di più soggetti. Auguri ad Enzo Romeo e a tutti i sindaci eletti in Calabria che auspico sappiano riaffermare il protagonismo proprio dei Comuni».

Ore 17.20 - Romeo: «Da questo momento lavorerò per la città di Vibo»

Il primo messaggio del neo primo cittadino ai vibonesi: «Da questo momento lavorerò per voi, per la città, per attuare il mio programma». Sulla coalizione di centrosinistra: «Il campo largo ha funzionato a Vibo, grazie a rapporti sinceri e leali con tutte le forze che mi hanno sostenuto». Romeo lavorerà, ha detto ai microfoni di LaC durante lo speciale elezioni, affinché «la città possa rialzarsi, da tutti i punti di vista, a cominciare da quello economico. Ma ci sono anche problematiche su temi essenziali, annose, che non sono state mai risolte e che cercheremo di risolvere».

Leggi anche

Ore 17.15 - Tucci (M5S): «Pronostici ribaltati, la presunzione si paga…»

C’è ovviamente anche il deputato Riccardo Tucci (M5S) davanti al Comune di Vibo Valentia. Si festeggia la vittoria di Enzo Romeo e Tucci concede qualche battuta nella diretta di LaC: «Sono stati ribaltati tutti i pronostici che ci davano perdenti, la presunzione si paga e i vibonesi hanno deciso di dare una svolta alla città e premiare il sindaco più affidabile su progetti e idee». Quali le prime azioni da mettere in campo: «Le priorità – spiega Tucci – le decideranno sindaco e giunta, si dovrebbe iniziare dall’acqua e dai servizi essenziali come strade e infrastrutture ma Romeo lo sa meglio di me».

Ore 17.15 - Mammoliti: «Si apre una nuova pagina per Vibo»

Il Partito democratico a Vibo è in piena festa. Raffaele Mammoliti, consigliere regionale dem ai nostri microfoni ha parlato di «Questo cambiamento lo sentivamo nell’aria. Man mano che andavamo avanti con la campagna elettorale registravamo consensi intorno alla figura di Enzo, al progetto della coalizione progressista». Per l’esponente Pd: «Si apre una pagina nuova per Vibo ma soprattutto un’alternativa al centrodestra in Calabria».

Ore 16.42 - Cosentino: «Vibo ha scelto altro»

L’applauso dei sostenitori nonostante la sconfitta e poi grande fair play. Roberto Cosentino ha appena lasciato la propria segreteria e, ai microfoni di LaC, spiega di aver «appena scritto un messaggio per augurare a Enzo Romeo buon lavoro». La delusione viene gestita con eleganza: «Il progetto politico che ho provato a portare avanti non è entrato nel cuore dei vibonesi, si mette punto e si va avanti. Non sono un bravo analista del voto. Va bene così, questa è la democrazia, viva la democrazia». 

Leggi anche

«Credo – continua il candidato del centrodestra – che la mia fosse una proposta politica e non tecnica, i cittadini o non l’hanno compresa o hanno gusti diversi, comunque hanno scelto altro. Enzo Romeo faceva politica 27 anni fa…». Sembra quasi una nota ironica ma Cosentino chiude con un «viva Enzo Romeo, buon lavoro, buon governo. Noi abbiamo fatto un percorso e Vibo ha scelto altro». 

Cosentino riflette anche su altro: «La variabile tempo è una variabile fondamentale e il percorso del centrosinistra di Enzo Romeo è nato un anno e mezzo fa. Forse questo ha determinato un consenso che si è costruito piano piano. Io ho dovuto cercare di accelerare: i leader mi sono stati vicini ma non ce l’abbiamo fatta. Non servono analisi molto sofisticate: cinque anni fa centro e centrodestra assieme hanno preso 12mila voti, quest’anno si sono presentati separati e hanno perso». E sarebbe dunque questo, nell’analisi a caldo, il peccato originale.

Ore 16.40 - Scarcella vince a Gioia Tauro, è il nuovo sindaco

Leggi anche

Ore 16.40 - Ballottaggio Gioia, le dichiarazioni di Russo

Amarezza dalla candidata sconfitta di Gioia Tauro Maria Rosaria Russo: «Non è una sconfitta, prendiamo atto che Gioia Tauro, che credevamo volesse una rivoluzione, non ha colto il messaggio. Ci abbiamo provato. Valutiamo se entrare in opposizione o dimetterci in toto perché qui hanno vinto i poteri forti. È una partita a cui la città ha voluto rinunciare».

Ore 16:30 - Lo Schiavo: «Vince il centrosinistra unito»

Entusiasmo per i risultati che giungono dai seggi vibonesi da parte del consigliere regionale Antonio Lo Schiavo: «Si sono verificate – afferma – le previsioni. La città voleva cambiare e il centrosinistra è riuscito a dimostrare con coerenza di saper stare unito. Vibo è una città difficile per il nostro elettorato. Siamo riusciti a mettere insieme partiti e voto di opinione». L’esponente del centrosinistra evidenzia: «È stato anche un voto di chiusura di una pagina di tensioni amministrative. Ora resta la sfida politica. Non bisogna dimenticare che ci sono problemi da affrontare. Questa città si governa solo se si mettono insieme le migliori forze produttive del territorio».

Ore 16:30 - Faragalli è il nuovo sindaco di Montalto

Leggi anche

Ore 16:20 - Iacucci manda un messaggio a Irto: «Abbiamo fatto campagna elettorale senza partito»

Franco Iacucci, consigliere regionale del Pd, ospite degli studi di LaC a Cosenza vede un’inversione di tendenza nel voto amministrativo: «Dove il centrosinistra è unito fa la battaglia, dove non è unito – come può essere a Gioia Tauro o a Montalto – arretra e viene sconfitto. Vedo una ripresa e un nuovo entusiasmo intorno al Pd». Per Iacucci sono i territori a «chiederci di ricostruire un’organizzazione, perché abbiamo fatto una campagna elettorale senza partito e su questo dobbiamo riflettere. Ci sono le condizioni per ricostruirlo sui territori». 
Quanto ha contato lo scontro sull’Autonomia differenziata? Lo spunto dà modo a Iacucci di punzecchiare il governatore Occhiuto: «Sull’Autonomia sta facendo pessime figure. Ho visto un video del fratello Mario che la difendeva nelle dichiarazioni di voto al Senato, e poi un filmato del governatore in consiglio regionale che dice il contrario di ciò che ha detto dopo l’approvazione dell’Autonomia differenziata…». La “riscossa” del Pd ha un gusto agrodolce: «Ci ha aiutato il fatto che abbiamo una segretaria che ha riportato al centro i temi che devono riguardare la sinistra. Ma in Calabria nell’organizzazione del partito nei fatti è stato realizzato poco».

Ore 16:15 - Vibo, Mangialavori (Fi): «Abbiamo perso, io in testa»

Giuseppe Mangialavori, parlamentare di Forza Italia, ci mette la faccia in tutti i sensi. Volendo passare la battuta di Antonella Grippo, si presenta negli studi di LaC come «agnello che toglie i peccati del centrodestra». Il suo commento arriva a scrutinio in corso, con Enzo Romeo che appare lanciato verso la vittoria dopo un iniziale testa a testa con Roberto Cosentino. Il centrosinistra va verso la vittoria. Prima ammissione di responsabilità, che forse va anche al di là delle richieste: «Complimenti a Romeo, abbiamo perso noi con me in testa». Qualche attimo e sono due: perché Maria Limardo non è stata ricandidata? «L’ha detto lei stessa – spiega Mangialavori –, perché non ha sentito intorno a lei la fiducia, mi assumo io tutte le responsabilità, io per primo non le ho trasmesso le sensazioni positive sul suo governo che la città le riconosceva. Mi assumo le responsabilità della sconfitta». 

Poi, parlando del candidato a sindaco sconfitto, il deputato allarga il discorso alla coalizione: «La colpa non è di Bobo Cosentino che è un ottimo professionista e lo dimostra ogni giorno nel suo lavoro. Quando si cambia all’ultimo momento il candidato senza spiegare bene perché e senza dargli la possibilità di farsi conoscere questi sono i risultati. È colpa nostra che abbiamo scelto troppo in ritardo questa soluzione». È l’unico passaggio in cui il discorso sulla responsabilità si allarga al noi. 
Per il resto Mangialavori non considera la (possibile) sconfitta collegata alle polemiche sull’approvazione dell’Autonomia differenziata. «Il centrosinistra le ha sfruttate per portare a sé qualche voto. Nella chiusura di Romeo gli esponenti hanno parlato di quello e non di Vibo Valentia. Ma per me non ha molto influenzato».
Possibile che questa sconfitta storica sia legata alle lotte tribali in Forza Italia? Insomma, chi ha infilzato Maria Limardo? «Non ci sono lotte tribali in Fi. Io ho sempre rivendicato l’ottimo lavoro fatto da Maria Limardo, continuo a dire che per me aveva tutto il diritto di continuare e Vibo ne avrebbe giovato. Non ha sentito fiducia attorno a lei, io per primo evidentemente non gliel’ho trasferita». Impossibile ottenere di più. Per Mangialavori c’è un solo responsabile certo della sconfitta: Mangialavori. Ma lui Limardo l’avrebbe ricandidata.

Ore 16:05 - Gioia, Scarcella in vantaggio: «Sarò il primo sindaco donna»

Simona Scarcella in vantaggio a Goia Tauro. Nella sua sezione si inizia già a festeggiare. In collegamento con LaC l'avvocato dice: «Sarò il primo sindaco donna della città. Un segnale di cambiamento che dedico soprattutto ai miei genitori». Si attende tuttavia il completamento delle operazioni di scrutinio: «Sono moderatamente ottimista, il trend è in crescita costante in tutte le sezioni. Parliamo di un vantaggio di circa 400 schede».

Leggi anche

Ore 15:20 - Tavernise (M5S): «Mi auguro che da Vibo arrivi un segnale importante»

Il consigliere regionale Davide Tavernise (M5S), in diretta dal nostro studio di Cosenza, prova ad analizza il voto a urne chiuse da poco più di 10 minuti. E punta i fari su Vibo: «Mi auguro che da Vibo arrivi un segnale importante che può avere un valore a livello regionale». L’obiettivo è ovviamente il governatore: «Io non credo – spiega – che Occhiuto non sapesse della candidatura di Cosentino: a Vibo ha Michele Comito, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, ha l’ex coordinatore regionale Giuseppe Mangialavori e l’assessore Rosario Varì. A Vibo Occhiuto è sceso in campo, ci ha messo la faccia e sa che perdere anche qui dopo aver perso Catanzaro l’anno scorso e Corigliano Rossano due settimane fa sarebbe un colpo importante per il centrodestra regionale».
Riguardo al centrosinistra, Tavernise ammette che c’è molto da rivedere: «Noi dobbiamo migliorare nell’organizzazione delle campagne elettorali: dobbiamo arrivarci in maniera unitaria e non rappezzata. Ma a Vibo raggiungere il 32% con una coalizione di centrosinistra è un risultato importante». Una battuta velenosa anche per l’assessore regionale all’Agricoltura Gianluca Gallo: «Dalle mie parti, dovunque abbia messo la faccia ha perso».

Ore 15:10 - L'affluenza in Calabria

Alle ore 15 di oggi, lunedì 24 giugno, a Montalto Uffugo è andato a votare il 50,92% degli aventi diritto. Dato in calo rispetto al primo turno, quando l'affluenza era stata del 61,36%. A Gioia Tauro l'affluenza si ferma al 56,10%, al primo turno era del 63,23%. A Vibo Valentia è andato a votare il 45,71% degli aventi diritto, allo scorso turno la percentuale era ben più alta: 66,90%.

Ballottaggio a Vibo Valentia

A sfidarsi a Vibo Valentia sono il candidato a sindaco del centrodestra Roberto Cosentino e quello del centrosinistra Enzo Romeo. Il primo nella sua corsa verso Palazzo Luigi Razza è stato sostenuto da 6 liste, tra cui Forza Italia e Fratelli d’Italia; il secondo invece ha ottenuto l'appoggio di 4 liste, tra cui Partito democratico e Movimento 5 stelle.

Leggi anche

Ballottaggio a Gioia Tauro

Gioia Tauro avrà il suo primo sindaco donna. Nel turno di ballottaggio si sfidano infatti Mariarosaria Russo a guida della coalizione civica "La Ginestra" e Simona Scarcella sostenuta da uno schieramento di centrodestra.

Leggi anche

Ballottaggio a Montalto Uffugo

A Montalto Uffugo conoscerà il suo nuovo sindaco. Il successore di Pietro Caracciolo salterà fuori dal ballottaggio tra Biagio Faragalli e Mauro D’Acri, i due candidati che hanno superato le forche caudine del primo turno. 

Leggi anche

Come vederci

L'appuntamento con la maratona elettorale targata LaC Tv è oggi, a partire dalle 14.30. Canale 11 del digitale terrestre, 411 TivuSat e 820 Sky. Anche in streaming su LaC Play e su tutte le testate e i social del gruppo.


 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all news Guarda lo streaming di LaC Tv Ascola LaC Radio
top