Coronavirus, aumentano i contagi ma Speranza rassicura: «Non ci sarà un nuovo lockdown»

Secondo il ministro della Salute, la situazione non è paragonabile a quella di marzo: «Il Servizio sanitario nazionale si è molto rafforzato». L'appello ai giovani di ritorno dalle vacanze e il parere sulla scuola: «Deve riaprire, punto»

191
di Redazione
23 agosto 2020
09:00
Il ministro della Salute Roberto Speranza
Il ministro della Salute Roberto Speranza

Aumentano i contagi in Italia e, dopo che il numero dei nuovi casi positivi ha superato la soglia dei mille nella giornata di ieri, cresce anche la preoccupazione circa nuove chiusure e restrizioni. Ad intervenire sulla questione, il ministro della Salute Roberto Speranza che, in un'intervista rilasciata a La Stampa, rassicura: «Non ci sarà un nuovo lockdown».

 

«La situazione non è paragonabile a quella di marzo - sottolinea Speranza -. Io sono ottimista, anche se prudente e cauto. Il nostro Servizio sanitario nazionale si è molto rafforzato. Allora avevamo una curva di contagi fuori controllo e non avevamo un apparato pronto a tracciare e isolare i casi».

«In Italia avevamo cinquemila posti in terapia intensiva, ora sono raddoppiati» spiega il ministro, che aggiunge: «siamo in fase di convivenza col virus, prendendoci dei rischi: il tasso zero contagi non esiste. Per azzerarlo ci voleva un lockdown per altri 3-4 mesi. Dobbiamo controllarlo ed evitare rischi inutili».

 

Poi Speranza rilancia un appello ai giovani: «Dateci una mano a tenere sotto controllo i contagi per tutelare genitori e nonni quando tornate dalle vacanze: non esagerate». Secondo il ministro «dobbiamo insistere sulla App Immuni che va rilanciata, perché siamo a 5 milioni di dispositivi scaricati e devono aumentare in quanto ha una sua utilità». Infine, sulla scuola, il ministro è perentorio: «È un punto fondamentale, la scuola deve riaprire, punto e basta».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio