Scenari di guerra

Fuga di gas nel Mar Baltico: probabile attacco ai gasdotti Nordstream 1 e 2, sale il prezzo del combustibile

Le acque ribollono in superfice con chiazze che arrivano a misurare un chilometro di diametro. Danni senza precedenti ed erogazione interrotta. L’ipotesi più plausibile è quella di un blitz sottomarino, ma non si sa da parte di chi

148
di Redazione
27 settembre 2022
16:21
L’acqua ribolle nel mar Baltico, foto Ansa
L’acqua ribolle nel mar Baltico, foto Ansa

Fughe di gas stanno interessando i gasdotti Nordstream 1 e 2: lo fa sapere il governo danese annunciando di aver elevato il suo livello di allerta sulle infrastrutture energetiche. Il gas fuoriuscito dai gasdotti sta ribollendo in superficie nel mar Baltico, agitando aree di mare che vanno dai 200 ai 1.000 metri di diametro, riferisce l'esercito danese in un comunicato che ha diffuso delle immagini.

Il gasdotto Nord stream ha registrato danni «senza precedenti» a tre linee del gasdotto ed «è impossibile in questo momento stimare la tempistica per la ripresa delle operazioni di ripristino» dell'infrastruttura. È quanto comunica in una nota il Nord Stream, secondo quanto riferisce Bloomberg. Ieri il Nord Stream aveva riferito di un calo di pressione su due sue linee, con le autorità svedesi e danesi che avevano identificato perdite di gas nel Mar Baltico, in prossimità della rotta del Nord Stream.


Il governo federale tedesco ritiene possibile che i gasdotti Nord Stream siano stati danneggiati da attacchi. Lo scrive il quotidiano Tagesspiegel, citando le proprie fonti e aggiungendo che «si è verificato un calo di pressione nei due gasdotti a breve distanza l'uno dall'altro». Secondo il quotidiano, Berlino non considera la contemporanea interruzione dei gasdotti una «coincidenza».

Il prezzo del gas sale del 10% ad Amsterdam, a 191,5 euro al megawattora, dopo aver toccato in picco di 194,7 euro (+12%) in scia alle notizie sui danni «senza precedenti» che hanno colpito il Nord Stream e che aumentano le probabilità di un inverno in Europa senza il gas russo. In ripresa anche i prezzi del petrolio, con il wti che sale dell'1,1% a 77,6 dollari al barile e il brent che avanza dell'1,5% a 85,30 dollari. Aumenti anche per le principali commodities alimentari con il grano duro che sale dell'1% e quello tenero dell'1,1%.

Rassicurazioni dalla Commissione Ue

«La Commissione è stata informata di tre fughe di gas, due nel Nord Stream 1 e uno nel Nord Stream 2». Lo spiega Tim McPhie, portavoce dell'esecutivo, spiegando che l'Ue sta monitorando la situazione e sottolineando che «non c'è alcun impatto sulla sicurezza»: sulla possibilità di un sabotaggio ai due condotti il portavoce della Commissione ha affermato che «è prematuro speculare» sulle cause delle fughe di gas.

Ipotesi attacco sottomarino

È molto difficile che la perdita di pressione dei gasdotti Nord Stream sia frutto di un caso, e una operazione di sabotaggio, la pista ritenuta più plausibile dagli esperti, potrebbe essere stata commessa soltanto da un attore statale, per mano di sommozzatori della marina o con un sommergibile. È quello che scrive Tagesspiegel, a proposito dei danni subiti dalle condutture. La marina danese e gli specialisti della sicurezza tedesca stanno cercando di chiarire quale sia stata la causa del calo di pressione nei due gasdotti. «La nostra fantasia non riesce a trovare uno scenario diverso dall'ipotesi di un attacco mirato», ha detto una fonte citata dal Tagesspiegel. «Tutto fa pensare che non sia stato un caso». Secondo il giornale si dibatte su due ipotesi principali al momento: all'origine dell'agguato potrebbe esserci l'Ucraina o qualche suo alleato; oppure potrebbe essersi trattato di un'operazione russa sotto falsa bandiera, per alimentare maggiore insicurezza e far salire i prezzi del gas ulteriormente.

La reazione del Cremlino

Il Cremlino definisce la diminuzione della pressione sulle linee del gasdotto Nord Stream «una situazione senza precedenti che richiede un'indagine urgente». Lo afferma il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, secondo quanto riferisce la Tass. Il Cremlino non esclude che «la distruzione delle linee del gasdotto Nord Stream possa essere il risultato di un sabotaggio» afferma Peskov aggiungendo che «l'emergenza sulle linee del Nord Stream è un problema che riguarda la sicurezza energetica dell'intero continente».

Perdite di gas nel Mar Baltico

Sono state identificate due perdite sul gasdotto Nord Stream 1 Russia-Europa nel Mar Baltico, poche ore dopo un incidente simile sul suo gasdotto gemello, il Nord Stream 2, hanno affermato le autorità scandinave. «Le autorità sono state ora informate che ci sono state altre due perdite sul Nord Stream 1, che, come il 2, non è in funzione ma contiene gas», ha detto in una nota il ministro danese del clima e dell'energia Dan Jorgensen all'AFP, aggiungendo di aver chiesto «livelli più elevati di vigilanza nel settore elettrico e del gas» nel Paese.

Una delle perdite sul gasdotto Nord Stream 1 si è verificata nella zona economica danese e l'altra nella zona economica svedese. Come la fuga di notizie su Nord Stream 2 del giorno prima, gli incidenti sono «soggetti a misure di sicurezza», con limiti alla navigazione e al sorvolo nell'area. Le perdite del Nord Stream 1 sono state individuate ieri sera, un'ora dopo che è stato segnalato un calo di pressione nel Nord Stream 2, secondo l'Amministrazione marittima svedese (Sma).

«Intorno alle 20:00 abbiamo ricevuto un rapporto da una nave di passaggio che diceva di aver visto qualcosa sul loro radar un po' più a nord dell'isola di Bornholm», ha detto all'Afp Fredrik Stromback, portavoce della Sma. A seguito delle perdite, sono stati emessi avvisi di navigazione entro una distanza di cinque miglia nautiche e un'altezza di volo di 1.000 metri dal tracciato dei gasdotti. «Gli incidenti sui due gasdotti non hanno alcun impatto sulla fornitura alla Danimarca», ha affermato Jorgensen.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top