Naufragio nel Mediterraneo, tra i 6 morti anche una bimba di pochi mesi

Testimoni dell'ennesima tragedia sono stati i volontari di Open Arms, l'unica nave umanitaria impegnata in questo momento nell'attività di ricerca e soccorso dei migranti che fuggono dalla Libia

di Redazione
11 novembre 2020
16:28
Foto Open Arms
Foto Open Arms

Aggrappati ai galleggianti nel tentativo di salvarsi: il gommone sui cui stavano cercando di attraversare il Mediterraneo non ha retto, forse, il peso dei tanti che erano a bordo. In sei hanno perso la vita, inghiotti dalle onde, compresa una bimba di soli 6 mesi.

Nuovo naufragio di migranti oggi a circa 30 miglia a nord delle coste libiche di Sabratha.

Testimoni  dell'ennesima tragedia sono stati i volontari di Open Arms, l'unica nave umanitaria impegnata in questo momento nell'attività di ricerca e soccorso dei migranti che fuggono dalla Libia e che già nella giornata di ieri aveva soccorso altri 88 disperati. La segnalazione di un gommone in difficoltà è arrivata alla Ong spagnola in mattinata da parte di uno dei velivoli di Frontex. L'imbarcazione, dice la Guardia costiera italiana, era in area Sar di responsabilità libica e la Ong è stata contattata in quanto «mezzo più utilmente impiegabile al momento».

Una volta raggiunto il punto indicato, però, i volontari si sono trovati di fronte una "complicatissima operazione di soccorso": il gommone, dice infatti Open Arms, con a bordo circa cento persone tra le quali alcuni bambini e donne incinte, «aveva ceduto e le persone erano già tutte in acqua, prive di salvagente e di dispositivi di sicurezza». Secondo la Guardia costiera il cedimento è avvenuto durante le operazioni di soccorso.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio