Strage di via D’Amelio, Palermo ricorda il giudice Borsellino e i poliziotti della scorta

Il presidente Mattarella, in occasione del 28esimo anniversario: «Chi muore per la giustizia non muore invano»

185
di Redazione
19 luglio 2020
12:56
Il giudice Borsellino, foto ansa
Il giudice Borsellino, foto ansa

«La limpida figura del giudice Borsellino - che affermava, che chi muore per la legalità, la giustizia, la liberazione dal giogo della criminalità, non muore invano - continuerà a indicare ai magistrati, ai cittadini, ai giovani la via del coraggio, dell'intransigenza morale, della fedeltà autentica ai valori della Repubblica». Lo sottolinea il presidente Sergio Mattarella in una dichiarazione in occasione del 28esimo anniversario della strage di Via D'Amelio.

La strage di via D’Amelio

Palermo ricorda quel tragico attentato che cambiò la storia. Tra manifestazioni nei luoghi simbolo dell'attentato costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina, e dirette streaming, anche quest'anno, nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia, le istituzioni, le associazioni e il mondo della scuola commemoreranno il giudice assassinato dalla mafia e i poliziotti morti insieme a lui il 19 luglio del 1992.

Morra: «Uccisi da negligenze e omissioni»

Sono passati 28 anni tra processi, depistaggi, inchieste che non hanno fatto piena luce su tutti i livelli di coinvolgimento nella strage. Come sottolinea il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra: «materialmente il tritolo mafioso ha posto fine alle loro esistenze», ma «più del tritolo hanno fatto inerzie, omissioni, negligenze e pavidità». «È un dato di fatto che pezzi dello Stato abbiano flirtato con l'antistato, che tuttora una salda, rigorosa ed ineludibile cultura antimafia non sia patrimonio collettivo», osserva Morra ricordando una citazione di Paolo Borsellino: "mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri". E per non dimenticare e rendere omaggio alle vittime della stagione stragista di Cosa nostra sono previsti dibattiti, spettacoli, testimonianze di docenti e studenti, del mondo della politica, dell'associazionismo, della società civile che andranno avanti per tutto il week-end.

Azzolina: «Difendiamo la memoria»

Le celebrazioni istituzionali vedono in prima linea il ministero dell'Istruzione e sono organizzate col Centro Studi "Paolo e Rita Borsellino", il Comune di Palermo, la Libera Università degli studi di Enna, l'Associazione "Nati per leggere - Sicilia" «La scuola è in prima linea nella difesa del valore della memoria. Una memoria che nella lotta alle mafie ha un ruolo fondamentale - dice la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina -. Il sacrificio di Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli uomini e donne delle loro scorte ha segnato l'inizio di una fase di nuova consapevolezza e intransigenza, soprattutto tra i giovani. Un cambiamento di cui la scuola è custode e garante. Dove c'è la scuola, c'è un presidio di legalità e c'è lo Stato». 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio