Guerra in Ucraina

Emergenza profughi, dall’Ue ok a riassegnazione fondi alle Regioni. Occhiuto: «Si forniranno aiuti concreti»

Il governatore: «Le risorse potranno essere usate per sviluppare soluzioni su misura per l’integrazione attraverso investimenti in alloggi, istruzione, occupazione, sanità»

4
di Redazione
9 marzo 2022
22:55

In merito alle politiche di coesione per i rifugiati in Europa, la Commissione sta adottando la proposta legislativa “Azione di coesione” (Care) per dare flessibilità e finanziare misure a sostegno delle persone in fuga dall’Ucraina. Questo consente una veloce riassegnazione dei finanziamenti disponibili alla gestione dell’emergenza profughi. “Care” più nel dettaglio aiuterà le Regioni a fornire aiuti concreti per soddisfare le esigenze primarie delle persone in fuga dal conflitto in Ucraina. In tale contesto le Regioni potranno utilizzare questi finanziamenti per sviluppare soluzioni su misura per l’integrazione, attraverso investimenti in alloggi, istruzione, occupazione, sanità, inclusione sociale e assistenza, o in altri servizi sociali.

Sull’argomento è intervenuto con una nota stampa, il governatore Roberto Occhiuto: «La Commissione europea ha adottato una proposta relativa all'Azione di coesione per i rifugiati in Europa che consente alle Regioni di fornire accoglienza alle persone in fuga dalla guerra in Ucraina. Non posso che esprimere soddisfazione per questo provvedimento, che legittima quanto deciso dalla Giunta regionale della Calabria nella seduta di sabato scorso, con l’approvazione di due delibere aventi come obiettivo proprio quello che oggi l’Ue mette nero su bianco.


La nostra Regione – aggiunge il presidente è stata proattiva, questa volta anche in termini amministrativi, rispetto alla determinazione di un bisogno, e la sua traduzione in atti, anticipando il comune sentire europeo».

 

 

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top