Vino, oltre 1 milione di euro per le aziende che riducono le produzioni

La Regione stanzia dei fondi da destinare ai produttori che elimineranno grappoli di uva dalla pianta prima della maturazione. La scelta, per evitare il crollo del mercato dovuto all'eccesso di prodotto per l'annata 2020

27
di Redazione
17 giugno 2020
14:35
Vigneto, immagine da pixabay
Vigneto, immagine da pixabay

Con decreto assunto in data odierna, il Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria ha approvato l’avviso pubblico per la presentazione delle domande d’aiuto per la campagna vitivinicola 2019/2020, attivando la misura della vendemmia verde, consistente in un sostegno al reddito in favore dei produttori che decidano di procedere all’eliminazione dei grappoli di uva dalla pianta prima che questi giungano a maturazione. Lo riferisce una nota stampa.

Si tratta – viene spiegato- di una scelta per molti versi obbligata, presa sentiti i Consorzi di tutela, per evitare di andare incontro ad un crollo del mercato dovuto all’eccesso di prodotto per l’annata 2020, in considerazione del sostanziale blocco dei canali di destinazione del vino calabrese: hotel, ristoranti, catering. Da qui la scelta della Regione di sostenere questo cammino, con uno stanziamento di un milione e 169mila euro ritagliati attraverso una rimodulazione finanziaria dell’Ocm vino.

 

«La stringente necessità di arginare le nefaste conseguenze della pandemia – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Gianluca Gallo – ci ha portato a valutare l’adozione di diversi strumenti, compreso quella della vendemmia verde, che avevamo sempre considerato quale extrema ratio e sulla quale, al pari dei Consorzi di tutela, conservo le mie riserve. Tuttavia, alla luce dell’aggravarsi della situazione, dopo aver peraltro già dichiarato lo stato di crisi del comparto vitivinicolo, abbiamo dato corso ad una rimodulazione dei fondi a valere sull’Ocm vino, recuperando risorse che sarebbero andate perdute e che ora, invece, investiremo per fronteggiare l’emergenza». Una decisione, precisa l’assessore, «che si pone quale primo passo a cui seguirà l’adozione degli interventi che sarà possibile concretizzare attraverso il Dl Rilancio e l’Ocm, rispettivamente per la vendemmia selettiva e la distillazione di crisi, senza escludere ogni altra possibilità, in aderenza a quanto concordato con la filiera nei vari incontri sin qui svoltisi».

 

Intanto, conclude il comunicato, si potrà fare affidamento da subito sulle somme prontamente ricavate. I termini per la presentazione delle domande di aiuto scadranno il 25 giugno prossimo. L’avviso integrale è disponibile sul portale della Regione Calabria. Parallelamente, come stabilito nel corso della Conferenza Stato-Regioni svoltasi in mattinata, avrà luogo l’attivazione della misura di distillazione di crisi per la campagna 2019-2020, secondo modalità e criteri riportati nell’avviso già pubblicato sul portale della Regione.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio