Turismo in crisi, i sindacati: «Almeno il 70 per cento degli stagionali a casa»

Il segretario regionale Fisascat Cisl Lo Papa: «Basta parole, si punti sul turismo di prossimità e si ascoltino i sindacati»

26
di Redazione
5 giugno 2020
12:58
Ristorante, immagine ansa
Ristorante, immagine ansa

«Senza soluzioni strutturali per il sostegno al reddito sarà un’estate da incubo per gli stagionali del turismo calabrese. Almeno il 70 per cento di questi rimarrà a casa. Un bacino importante, fondamentale per l’economia, composto da camerieri, bagnini, guide turistiche, barman». Ad aprire una breccia sulla categoria degli stagionali è il segretario regionale Fisascat Cisl Fortunato Lo Papa che ricorda come la nuova naspi (sussidio di disoccupazione) abbia leso i lavoratori del comparto turistico dimezzando la durata e il valore del sussidio. «Non vogliamo parole ma fatti – afferma Lo Papa -  non si può accettare che un numero così alto di lavoratori rimanga senza occupazione e che la Regione non faccia nulla né che il governo continui a rispondere con il silenzio alle nostre richieste di incontro sul settore turistico».

 

«Da tempo come Fisascat Cisl chiediamo che per gli stagionali la naspi venga calcolata superando la riduzione del 50 per cento della durata e del valore del sussidio, e quantificando l'effettiva corrispondenza delle settimane di lavoro prestato. Un aiuto ai lavoratori – aggiunge il sindacalista -  è sicuramente quello che può fornire la contrattazione attraverso la Bilateralità recuperando risorse e promuovendo corsi di formazione. Ma è fondamentale il ruolo dello Stato nel sostegno al reddito e, invece, al momento le misure del governo sono insufficienti, così come quelle a livello regionale».

 

«Non basta riaprire, con rigide regole che tutelano la sicurezza ma limitano i numeri, le attività per potere sopperire ad un lockdown di più di due mesi – incalza ancora Lo Papa – ci sono padri e madri di famiglia, spesso monoreddito, a casa e che non sanno quando e se potranno ritornare al lavoro, perché affinché il circuito turistico abbia bisogno degli stessi numeri occupazionali di prima, servirà un tempo indefinito, nelle cui more i lavoratori non possono essere abbandonati».

 

«Ecco perché è importante non solo dare fondo alle risorse disponibili, ma anche adottare una visione di prospettiva che valorizzi i luoghi simbolo e le peculiarità dei nostri territori, come ad esempio le terme da sempre trascurate, e allo stesso tempo crei opportunità. Un doppio binario percorribile, ad esempio, attraverso il turismo di prossimità, dando luce a luoghi trascurati ma invidiabili, creando percorsi turistici, facendo rete. Ma per fare questo è necessario innanzitutto aprire gli occhi e rendersi conto della morsa in cui è stretta la filiera turistica».

 

 

 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio