Corigliano-Rossano, Pd euforico per le primarie: «Alle comunali con un'Alleanza democratica»

Il segretario cittadino Giuseppe Tagliaferro esulta, grida vittoria ed in vista delle comunali di maggio rilancia le ambizioni della coalizione trainata dal Partito Democratico che vedrà a capo il medico Gino Promenzio

66
di Marco  Lefosse
4 marzo 2019
20:20

Sono stati 859 i votanti alle primarie del PD a Corigliano-Rossano. È questo il popolo democratico della nuova polis della Sibaritide che ha incoronato, anche qui, Nicola Zingaretti nuovo segretario nazionale del Partito Democratico.

Un risultato che ringalluzzisce i dem ionici. «Vuol dire – dice il segretario del circolo di Rossano, Giuseppe Tagliaferro - che finalmente a Corigliano-Rossano c'è una classe dirigente non più incline a compromessi e da ogni postazione sarà garante della dignità e della difesa degli interessi di questo territorio. Una piccola grande rivoluzione culturale – aggiunge - per il bene esclusivo della nuova grande città. L'attività dei circoli continuerà, essendo impegnati a costruire e far scegliere in autonomia e libertà il progetto politico-amministrativo e il candidato per le prossime elezioni comunali».

Gino Promenzio, l’uomo del Pd non si è risparmiato  

Non è mistero infatti (anche se qualcuno tenta di nascondere la cenere sotto il tappeto) come le dinamiche elettorali per le amministrative di Corigliano-Rossano abbiano giocato un ruolo fondamentale anche nelle ultime primarie. Soprattutto in un PD che, come fa ben capire il segretario Tagliaferro, vorrà esserci e vorrà giocare un ruolo determinante nella comunali di maggio. Tant’è che uno dei principali motori propulsori della urne democratiche corissanesi è stato Gino Promenzio, candidato a sindaco della coalizione Civico e Popolare nonché candidato – come ha scandito nei giorni scorsi il commissario democrat di Corigliano-Rossano, Cesare Marini – del Partito Democratico.

Promenzio, infatti, ha dato il suo contributo alle primarie del PD sostenendo e facendo sostenere la mozione Zingaretti. Testimonianza che i valori democratici vivono in modo dirompente nell’animo dell’ortopedico pediatrico che aspira allo scranno più alto del Palazzo di Città. E questo con enorme gioia della base cittadina del partito che oggi è di Zingaretti.

«La nostra sarà una grande Alleanza democratica»

«La decisone appartiene ai nostri cittadini – chiosa Tagliaferro all’esito delle primarie - che vorranno sostenere una grande Alleanza democratica che sappia difendere l'idea di una città che, senza compromessi prima o dopo e senza subire ingerenze, sia protagonista del proprio futuro. E non solo ma che diventi anche punto di riferimento per l'intera Calabria per un modo nuovo e rinnovato di fare Politica e per un modello di città solidale, accogliente, attiva, propositiva e democratica».

 

LEGGI ANCHE:

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio