La polemica

Destra spaccata sul green pass. E anche dalla Calabria duro attacco alla Meloni: «Venga a visitare i nostri ospedali»

Il post di Fabiola Lucente, figlia di Oscar storico esponente del Msi contro la leader di Fratelli d'Italia: «Ci siamo quelli di Destra. Poi, ci sei tu. Ed il tuo squallido ed indecente teatrino»

162
di Franco Laratta
25 luglio 2021
15:09
Giorgia Meloni (Ansa)
Giorgia Meloni (Ansa)

Fabiola Lucente, una laurea in Filosofia, è figlia d’arte. Il papà era il professor Oscar Lucente, di Cosenza, esponente storico e dirigente del MSI degli anni ‘80-’90. Da tutti stimato come uomo politico coerente, onesto, un intellettuale apprezzato a livello nazionale.

Le recenti politiche del governo sui vaccini e sul Green Pass, hanno scatenato la rabbia dei no-vax e  no-green pass, con tanto di cortei di protesta non autorizzati. A pezzi la destra di governo e di opposizione sulla necessità e l’obbligatorietà del ‘passaporto verde’.


Fabiola Lucente, impegnata e attenta, è molto attiva sui social sulla lacerante vicenda dei vaccini anti Covid. Ma lei somiglia al padre: di destra, ma con intelligenza e libertà intellettuale. Così ieri ha preso carta e penna (si fa per dire) e ha scritto alla Meloni un lungo e franco post di Facebook sul Green-pass, suscitando un mare di reazioni e centinaia di commenti.

Il post

Gentile Giorgia,

la dichiarazione dell’ultima ora “io mi vaccino, non sono no vax”, arriva troppo tardi, soprattutto, è frutto della tua codardia, perciò, inaccettabile. 

Adesso, assumiti le responsabilità (una gran parte, non tutte!) di ciò che sta accadendo nelle piazze: hai fomentato un’orda di sprovveduti, e li hai strumentalizzati per un tuo becero tornaconto: sondaggi e voti.

Sei incosciente e, con un colpo di spugna, hai cancellato le immagini atroci di 128.000 morti di Covid-19, di medici ed infermieri stremati, di italiani che hanno perso familiari senza poter dare loro degna sepoltura. 

Nel 2018, ti affidavi alla Scienza, nel 2021, hai messo in discussione mascherine, coprifuoco e vaccino. Tu, sì. E con quali titoli? 

Forse, dalla Calabria, il tuo “onorevolissimo” Luca (lui, candidato sotto quella fiammella un tempo privilegio degli onesti, a Cosenza!) ti ha informata della triplicazione del numero di posti letto nelle terapie intensive? Della quadruplicazione dei posti letto in rianimazione? Già, lui, può. La Sanità, è casa sua, ahinoi! 

Giorgia, quando vieni in Calabria (ho letto del ricatto “noi, alle regionali, andremo da soli perché Salvini ha tradito”, ovvero, ti ha negato una nomina in Rai, quindi, state insieme per le poltrone? È questo, il centrodestra unito?), evitali quegli slogan urlati nelle piazze e  “pernotta” in uno dei nostri ospedali, visitali, staziona una giornata intera al Pronto Soccorso dell’Annunziata, in attesa di esser visitata, e poi confrontati con primari e scienziati - quelli veri! - che ti spiegheranno come avviene un contagio, come si replica un virus, come si arresta la diffusione dello stesso ecc ecc. 

Quando dici Patria, rifletti. Non cantarlo, l’inno nazionale, e fai un minuto di silenzio. “Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò”: come hai risposto? Con la vigliaccheria, con la paura del vaccino - che la ricerca mondiale ci ha messo a disposizione -, usando parole infami contro il miglior Premier degli ultimi decenni, il prof. Draghi? La smania dei sondaggi ti ha indotta a sollevare critiche costanti:” con il Green Pass, l’economia non decolla”. Tu, dico tu, bolli i provvedimenti del professionista più stimato al mondo in materia economica? 

Da quando, a Destra, si è perso l’uso del Rispetto nei confronti di qualcuno che, in questo caso rispetto a te, è un Gigante? Fare opposizione, non significa lottare contro un nemico, costi quel che costi, ma riconoscere all’avversario la bontà dei provvedimenti, se fanno il bene della collettività!  

Io, la conosco, la tua risposta. È la stessa del 2010. In fondo, hai tradito il tuo padre putativo, quello senza il quale saresti rimasta al pub a servire birre, quello del quale non hai capito ed imparato nulla, quello contro il quale ti sei accanita, insieme a tutti quelli che, come te, sarebbero rimasti perfetti nessuno senza di lui, ma poi...poi, Destra, per te, per voi, era votare “Ruby è nipote di Mubarak”. 

Evita di citare Romualdi ed Almirante, Borsellino, Patria e Famiglia (sei sposata?), e continua ad imbarcare il peggio. Lo hai fatto in Calabria e lo stai facendo in tutte le regioni, però, non fomentarle le piazze perché la VITA non è un sondaggio e la SCIENZA non è un’opinione. 

Un ultimo suggerimento: fonda un partito con l’ex Premier, tale Conte, uno che di responsabilità infinite ne ha più di te, ma che tu, adesso, stai per eguagliare. 

Ci siamo quelli di Destra. Poi, ci sei tu. Ed il tuo squallido ed indecente teatrino.

I commenti

I commenti parlano da sè. Quasi tutti d’accordo con Fabiola Lucente, molti di destra, da tutta Italia.

“Se si potesse chiedere il green pass anche per entrare in un seggio elettorale avremmo risolto metà dei nostri problemi. Credo, purtroppo, che non si possa fare..... Peccato....” - si legge in uno dei tanti. 

E ancora: “Io sono l’ultima arrivata ma mi riconosco in ogni singola tua parola, ogni singolo rimprovero. Ci siamo quelli di Destra. Sempre”

“Sono al tuo estremo opposto, ma adoro e stimo infinitamente la tua onestà intellettuale. Ti voglio bene” - si legge poi. 

“Discutere i provvedimenti di Draghi in materia economica ci vuole coraggio. Il green pass è a vantaggio dell’economia . Ma purtroppo questa destra mi ha deluso . Io sto con Il prof Mario Draghi senza se senza Ma”.

Pochissimi quelli contrari alla sferzata durissima di Fabiola Lucente: “Ma perche' dici queste falsita' Giorgia Meloni non si e' mai espressa contro i vaccini, al contrario e' sempre stata favorevole. Le tue dichiarazioni sono solo menzogne di parte vergognose”. 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top