Elezioni a Reggio Calabria, Falcomatà lancia la sfida alla Lega: «Nessuno provi a colonizzarci»

Il sindaco uscente a caccia della riconferma alla guida di palazzo San Giorgio: «Noi abbiamo una storia. Guai a chi tocca la nostra città»

di Redazione
29 agosto 2020
21:15
Giuseppe Falcomatà
Giuseppe Falcomatà

Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha aperto ufficialmente la campagna elettorale in vista delle elezioni amministrative di settembre. Questo pomeriggio, in piazza Castello, riferisce una nota stampa, tutte le undici liste della coalizione di centrosinistra si sono raccolte intorno al primo cittadino uscente.

Insieme ai partiti tradizionali come Pd, Partito socialista italiano – A testa alta, Italia viva ed Articolo 1-Reggio Coraggiosa, sul palco si sono alternati anche «i rappresentati delle numerose liste civiche schierate nel nome di un civismo e di una politica dal basso che è marchio distintivo dell’ultimo mandato elettorale».

Così, la Svolta, S’intesi, Reset, Patto per il Cambiamento, Primavera Democratica, Reggio non si Lega (Bene Comune e Patto del Sud) ed Innamorarsi di Reggio «sono scese in campo per impedire l’avanzata delle destre populiste e leghiste nella città che, con grossi sacrifici di tutti, si sta riprendendo dagli effetti dei modelli nefasti produttori di sfasci economici e scioglimenti per infiltrazione mafiosa».

 

Falcomatà: «Nessuno provi a colonizzarci»

Proprio «ai “colonizzatori” della Lega Nord ed a quanti si sono venduti per soddisfare le ambizioni di chi, fino a ieri, considerava i meridionali terroni e parassiti», il sindaco Falcomatà ha risposto a muso duro: «A loro diciamo che Reggio è dei reggini, di chi ha creduto in questa città, di chi ci investe, ci paga le tasse, ci manda i figli a scuola; non di chi è in scadenza, di chi è provvisorio. Reggio è nostra, di ognuno di noi. Noi, che conosciamo i domani che non arrivano mai. Noi che conosciamo la fatica, il sudore, il sacrificio. Noi ci siamo e ci saremo sempre perché Reggio è la nostra casa e non permetteremo a nessuno di provare a colonizzarla. Guai a chi tocca la nostra città».

L’emergenza rifiuti a Reggio

Nel merito dei problemi, il sindaco non le ha mandate a dire: «Sui rifiuti si sta consumando un massacro ai danni di Reggio e dei reggini. Un boicottaggio che è iniziato a maggio con la chiusura, per oltre due mesi, delle discariche regionali e che da qualche giorno sta riprendendo a fatica. Ho sentito dire cose fuori dal mondo. I lavori della discarica di Melicuccà sono già iniziati e finiranno a novembre risolvendo definitivamente la questione grazie anche al passaggio dal Porta a porta spinto al conferimento misto».

 

«In questi anni – ha detto Giuseppe Falcomatà – abbiamo tracciato una strada, costruendo dalle macerie, lavorando sodo per dare un futuro certo a questa città. Abbiamo fatto tanti errori, molte cose potevano andare meglio altre potevano essere fatte prima. Proprio per questo non possiamo lasciare le cose a metà e abbiamo bisogno di un secondo tempo. Contaminiamo la nostra città di questa energia positiva, andiamo a raccontare ai reggini la nostra idea di città, ascoltando le critiche ma dicendo chiaramente che la croce che poggiamo sulla scheda elettorale, dentro la cabina, non è soltanto un dovere civico. Ma serve a decidere se questa città deve andare avanti o tornare indietro, se questa città deve continuare a servire gli interessi di una comunità o tornare ad essere asservita a quegli interessi personali che l’hanno stuprata e offesa». Il voto di settembre, insomma, «serve a scegliere se, incrociando le spade della politica, debba vincere il nostro San Giorgio o Alberto da Giussano.

«Stiamo cambiando la storia»

«Serve – ha affermato – a scegliere chi una storia non ce l’ha o chi, come noi, ha una storia in comune, perché la storia, a fatica, la stiamo cambiando e lo stiamo facendo insieme alzando la testa ballando sotto la pioggia e aspettando l’arrivo dell’arcobaleno».

 

Poi, rivolgendosi ai tanti cittadini presenti in piazza Castello ed agli alleati sul palco, Giuseppe Falcomatà ha concluso: «Siete la migliore squadra che un capitano possa avere. Il sindaco non è un uomo solo al comando, il sindaco siete tutti voi, il miglior sindaco è ognuno di voi. Buona fortuna a tutti noi, ai nostri desideri, ai nostri sogni. Buona fortuna alla nostra città, facciamola vincere ancora una volta».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio