Elezioni Reggio Calabria, il ministro Guerini lancia Falcomatà: «È la proposta più forte in campo»

Il titolare del dicastero della Giustizia in riva allo Stretto a pochi giorni dal voto. Annunciata la fine del commissariamento del Pd: «Dopo le elezioni partiranno i congressi in tutta la regione»

7
di Riccardo Tripepi
14 settembre 2020
22:24
Lorenzo Guerini
Lorenzo Guerini

Il Pd si stringe intorno a Giuseppe Falcomatà nell’ultima settimana che precede il voto. Dopo la visita del segretario nazionale Nicola Zingaretti è stato il turno del ministro della Difesa Lorenzo Guerini che ha incontrato elettori e iscritti democrat all’Hotel Escelsior.

Insieme a lui al tavolo dei relatori il candidato sindaco e il vicepresidente di minoranza del Consiglio regionale Nicola Irto.

 

«Domenica e lunedì si vota per Reggio non per il governo nazionale o per garantire rapporti di forza dentro una coalizione. I protagonisti sono gli attori locali e i cittadini devono capire qual è la posta in gioco». Chiaro il messaggio di Lorenzo Guerini e il riferimento alla scelta del centrodestra di far sì che la Lega esprimesse il candidato sindaco. Ed anche alla circostanza che l’esito della prossima consultazione, sia elettorale che referendaria, non avrà conseguenze sull’esecutivo guidato da Giuseppe Conte: «Il governo ha i numeri per governare e continuerà a farlo».

 

Tornando sulla competizione reggina ha aggiunto: «Amministrare una città non è una questione tecnica, ma di scelte politiche da fare ogni giorno. Falcomatà ha le carte in regola per farlo e spero possa continuare ad amministrare Reggio. È stato un sindaco che ha lavorato con grande impegno e con risultati importanti sempre con un’interlocuzione importante con il livello nazionale. Anche da ultimo il Decreto agosto che ha previsto l’uscita dalla situazione debitoria di Reggio Calabria è frutto del lavoro di Falcomatà. I reggini devono scegliere questa proposta che è la più forte in campo».

 

Stimolato da Nicola Irto, Guerini ha poi fatto un passaggio anche sul futuro dal partito in Calabria dopo un commissariamento lunghissimo e il flop delle ultime regionali.

«La fase del commissariamento – ha detto Guerini – è stata importante perchè c’erano alcune questioni da affrontare con questo strumento. I commissariamenti però cominciano e finiscono. Dopo le elezioni di Reggio Calabria si cominceranno a fare i congressi qui e in tutta la Regione».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio