Camusso: ’Astensione record è segnale grave’

Il segretario della CGIL non fa sconti alla politica 'incapace di rappresentare l'elettorato'

di L.C.
24 novembre 2014
17:30

Un tasso di astensione da record in entrambe le regioni chiamate a rinnovare il consiglio regionale. La Calabria elegge Oliverio presidente, ma solo il 43,8% degli elettori decide di esprimere il suo voto. Riesce a fare peggio l'Emilia Romagna. Stefano Bonaccini trionfa, ma solo il 37,7% degli elettori emiliani si sono recati alle urne. A rilevare la gravità del dato il Segretario generale della Cgil Susanna Camusso. "La bassissima affluenza alle urne -dichiara Camusso- dimostra la divisione nel Paese e il fatto che le persone non si sentono rappresentate dalle politiche che vengono fatte."

 


Un giudizio prevedibilmente severo quello del numero uno della CGIL, ormai in costante e aperta polemica con il premier Matteo Renzi. "Credo sia evidente l'effetto di una frantumazione e divisione nel Paese - ha commentato Sussanna Camusso - che non è risolvibile dalla virtualizzazione delle forme di partecipazione. Se non ci sono luoghi di partecipazione è difficile ricostruire la solidarietà. Questo crollo impegnativo dell'affluenza - ha concluso - deve fare interrogare rispetto a una politica di divisione: tante persone evidentemente non si sentono rappresentate dalle politiche che vengono fatte".

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top