Regione Calabria

La rivolta dei 5 Stelle contro la legge “aumenta-poltrone”: «Norma inopportuna e incostituzionale»

Dure le reazioni che arrivano dai pentastellati. Baldino: «Proposta di legge che garantisce incarichi». Afflitto e Tavernise: «Evidenti profili di illegittimità»

77
di Massimo Clausi
15 novembre 2022
18:50
Francesco Afflitto, Vittoria Baldino e Davide Tavernise
Francesco Afflitto, Vittoria Baldino e Davide Tavernise

Non ci stanno i 5 Stelle a far passare la proposta di legge della maggioranza in consiglio regionale sul “consigliere supplente. Dal partito di Conte è stato lanciato un fuoco di fila dal livello nazionale a quello regionale. 

La reazione di Vittoria Baldino

La più dura è la deputata Baldino. «Mentre i calabresi - scrive - continuano a fare i conti con malasanità, assenza di infrastrutture, spopolamento e carenza di lavoro e servizi, la giunta Occhiuto e la maggioranza di centrodestra pensano ad approvare una proposta di legge che garantisce incarichi e poltrone».


«Cos’è accaduto? Il Presidente Occhiuto - racconta la Baldino - è alle prese con il rinnovo della giunta dopo che 2 dei suoi assessori sono stati eletti in Parlamento e devono quindi essere rimpiazzati. Per questo i gruppi di maggioranza hanno presentato una proposta di legge che introduce l’incompatibilità tra il ruolo di consigliere e quello di assessore. Un intento nobile, sembrerebbe, ma siccome il diavolo si annida nei dettagli, scorrendo il testo della legge si scopre che la reale finalità è quella di consentire la sostituzione temporanea dei consiglieri nominati in Giunta con persone presenti nelle liste elettorali ma che non sono risultati eletti. In questo modo i nuovi assessori verrebbero sospesi dall’incarico di consigliere regionale e sostituiti temporaneamente dai non eletti nell’ultima elezione regionale. Queste le reali priorità del centrodestra, altro che emergenza sanitaria, altro che problemi di viabilità e di infrastrutture».

Afflitto e Tavernise: «La proposta del centrodestra presenta evidenti profili di illegittimità»

«La proposta di legge regionale sottoscritta dai cinque capigruppo della maggioranza di centrodestra, con la quale di fatto si vuole aumentare le poltrone, mentre formalmente si vorrebbe introdurre una incompatibilità tra la carica di consigliere e quella di assessore regionale presenta evidenti profili di illegittimità costituzionale. È una proposta tanto imbarazzante quanto aberrante, per il messaggio di sfiducia verso le istituzioni regionali che questa politica continua a mandare ai cittadini calabresi». È invece la denuncia forte dei consiglieri regionali del M5S in Calabria Davide Tavernise e Francesco Afflitto, alla notizia della presentazione della proposta di legge.

«È una proposta che richiama molto – vanno avanti Tavernise e Afflitto - quanto già tentato nel 2014, allorché vennero approvate talune modifiche e integrazioni allo statuto regionale. Nello specifico si voleva aggiungere il comma 4ter all'articolo 35 dello statuto che, così modificato, avrebbe previsto: "La nomina ad assessore di componenti del Consiglio regionale comporta la sospensione di diritto dall'incarico di consigliere regionale affidando temporaneamente la supplenza per l'esercizio delle funzioni di consigliere al candidato della stessa lista che ha riportato, dopo gli eletti, il maggior numero di voti". Una norma impugnata, presso la Corte Costituzionale, dal Consiglio dei Ministri di allora. Secondo le rimostranze avanzate dal Governo nazionale, la norma era censurabile  perché,  comportante la sospensione di diritto dall'incarico di consigliere regionale e introducendo un meccanismo di supplenza, affidante temporaneamente l'esercizio delle funzioni del "consigliere - assessore" al primo dei candidati non eletti della stessa lista, risultava invasiva dell'ambito legislativo che il comma 1, dell'articolo 122 della Costituzione ha inteso riservare al legislatore regionale, nei limiti dei principi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica. In sostanza, incideva sulla materia elettorale, rispetto alla quale non residuano margini di determinazione per l’autonomia statutaria regionale».

«Tra i rilievi mossi, che hanno portato, poi, la Regione ad abrogare quella norma, e di conseguenza la Corte Costituzionale a dichiarare estinto il processo – proseguono Tavernise e Afflitto - anche la violazione dell’art. 67 Cost., per violazione del divieto di mandato imperativo, in quanto il meccanismo di supplenza che affida temporaneamente l’esercizio delle funzioni del consigliere-assessore al primo dei candidati non eletti della stessa lista determinerebbe la revocabilità del consigliere supplente da parte del supplito, ove questo cessi dalle funzioni di assessore».

«Quanto proposto oggi dal centrodestra – concludono Tavernise e Afflitto- sembra, dunque, la riproposizione di un film già visto che da un lato segna l’ennesima rottura nella fiducia tra cittadini ed istituzioni, e dall’altro una nuova norma regionale che va verso la censura del Governo nazionale».

LEGGI ANCHE: La legge “aumenta-poltrone” cambia lo scenario politico: novità anche per la Giunta Occhiuto

 
 

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top