Regione, Parente (Fi): «La Calabria accetti la sfida del federalismo»

Presentata una mozione che sarà discussa domani 30 gennaio per chiedere con l’approvazione in Consiglio regionale di una legge che renderebbe autonoma la regione in diverse materie: «È questa la via maestra, peraltro prevista dalla Costituzione»

18
di Redazione
29 gennaio 2019
22:44
Claudio Parente
Claudio Parente

«L’autonomia della Calabria nelle materie dei beni culturali e paesaggistici, dell’ambiente e dell’energia rinnovabile, della protezione civile e rigenerazione urbana, della tutela della salute, del turismo, dell’agricoltura, dei rapporti con l’Unione Europea, deve essere richiesta con l’approvazione in Consiglio regionale di una legge da sottoporre successivamente all’approvazione diretta dei due rami del Parlamento». È questa la proposta contenuta in una mozione presentata stamani agli uffici della Segreteria d’assemblea di Palazzo Campanella e che - rende noto il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Claudio Parente - sarà discussa dall’Aula domani 30 gennaio.

 

«Si salterebbe così la fase della trattativa preliminare Regione-Governo, dando invece forza ed autorevolezza al Consiglio regionale che diventerebbe protagonista di una fase decisiva per il futuro del Paese, delle Regioni meridionali e in particolare per la Calabria. È questa la via maestra, peraltro prevista dall’art.121, secondo comma della Costituzione», indicata dai gruppi consiliari di Forza Italia e Casa della Libertà.


«Con questa impostazione, la Calabria accetta la sfida del federalismo, non si tira indietro e non si limita a difendersi dai danni che sicuramente verrebbero da una secessione mascherata come quella che vorrebbero Lega e Cinquestelle. Si tratterebbe di un segnale forte, originale, coraggioso, che potrebbe essere da esempio anche per le altre Regioni del Sud», ha spiegato il capogruppo di Forza Italia, Claudio Parente, che ha firmato la mozione assieme al capogruppo di Casa delle Libertà, Gianluca Gallo, e al segretario-questore del Consiglio Domenico Tallini.


«A tale scopo - è scritto - il presidente del Consiglio regionale è invitato a promuovere una Conferenza degli Uffici di Presidenza dei Consigli Regionali di Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia al fine di perseguire eventuali convergenze tra le Regioni del Meridione».


La mozione FI-Casa delle Libertà - è riportato - «impegna il Presidente del Consiglio regionale ad attivare i passaggi necessari per dare impulso ad una iniziativa legislativa da presentare direttamente alle Camere, sulla base del disposto dell’articolo 121, secondo comma della Costituzione, finalizzata ad ottenere forme e condizioni di autonomia con particolare riferimento ai beni culturali e paesaggistici, all’ambiente e all’energia rinnovabile, alla protezione civile e rigenerazione urbana, alla tutela della salute, al turismo, all’agricoltura, ai rapporti con l’Unione Europea ed a quelle materie che verranno eventualmente individuate nel corso del procedimento istruttorio».


I presentatori della mozione chiedono che «sia assicurato, nella fase di elaborazione della legge, il necessario coinvolgimento delle autonomie locali, dei presidenti della Provincie e della Città Metropolitana, del Presidente dell’Anci regionale, nonché la previsione del supporto di esperti giuridici ed economici da affiancare al lavoro delle Commissioni Affari Istituzionali e Bilancio per determinare le risorse finanziare - da trasferire o assegnare dallo Stato alla Regione - necessarie all’esercizio delle ulteriori forme e condizioni particolari di autonomie».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio