Blocco attività al Sant'Anna di Catanzaro, la clinica a Speranza: «Pronti a ricevere le urgenze»

I vertici aziendali riferiscono la piena disponibilità ad accettare i casi d'emergenza e si appellano al ministro della Salute: «Urge un incontro istituzionale» 

158
di R. G.
25 dicembre 2020
16:35

«A seguito dell’attuale difficile fase gestionale del Sant’Anna hospital e di un corto circuito istituzionale sulla catena delle responsabilità decisionali, la vigilia di Natale è stato comunicato dall’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro che ”il Sant’Anna Hospital di Catanzaro non potrà erogare prestazioni con onere a carico del servizio Sanitario regionale”. Tale decisione, irrituale in termini di contenuti, poiché non sono intervenute, ancora, le condizioni previste dall’art 9 di cui alla legge n. 24 del 2008 per la sospensione ad oras dell’autorizzazione all’esercizio, e forma, non essendo stato emesso decreto di revoca formale dell’accreditamento da parte del dirigente generale del Dipartimento della regione Calabria, ha creato una grave condizione di rischio sulla Sanità Pubblica, soprattutto in questa fase di crisi della sanità ed emergenza pandemica  con l’interruzione di un servizio di pubblica Utilità».  È quanto si legge in una nota firmata dal presidente del consiglio di amministrazione e dal direttore sanitario della struttura, Giovanni Parisi e Soccorso Capomolla.

Pronti a rimanere a servizio della comunità

«Come management aziendale - si fa presente - abbiamo cercato tutte le possibili interlocuzioni istituzionali, con la struttura del commissario ad acta, con la struttura commissariale dell’Asp di Catanzaro, per avere indicazioni certe, formali e rituali  sullo status giuridico della struttura (aperta o chiusa?) senza ottenere alcuna risposta. Pur essendo fortemente provati dalla grave attuale condizione aziendale, siamo altrettanto consapevoli del ruolo di servizio di pubblica utilità del Sant’Anna Hospital e fino a quando possiamo ottemperare all’obbligatorietà dei mezzi saremo fortemente determinati a rimanere al servizio della comunità calabrese. Tale premura - si evidenzia - deriva dalla necessità di organizzare le risorse per la gestione di possibili urgenze cardiovascolari, che dovessero determinarsi sul territorio regionale durante questo periodo d’emergenza pandemica. Operativamente se in questi giorni viene inviato presso il Sant’Anna Hospital un paziente con una dissecazione aortica o infarto miocardico acuto, in qualità di management di tale azienda, siamo eticamente, professionalmente ed operativamente pronti a riceve il paziente ma legalmente non abbiamo alcuna certezza  per accettare il paziente».


L'appello alle istituzioni

«Per tali ragioni - concludono i vertici aziendali - facciamo pubblico appello al ministro della salute Roberto Speranza, al comissario alla sanità della Regione Calabria Guido Longo, al direttore generale dipartimento della Salute Francesco Bevere, alla struttura commissariale dell'Asp di Catanzaro Luisa Latella, Carmelo Musolino, Salvatore Gullì, al direttore sanitario Ilario Lazzaro, per avere indicazione certe ad oras ed immediate, quale organo regolatore di questa struttura ospedaliera, circa la possibilità di accettare urgenze che arrivano dal territorio. Si ribadisce altresì la richiesta urgente di un incontro ”istituzionale” al fine di poter praticare un confronto sulle motivazioni che hanno condotto il S. Anna Hospital in tale condizione».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top