Il Castello Aragonese si tinge di viola per la Giornata delle malattie intestinali

Reggio Calabria aderisce alla campagna globale nata per sensibilizzare su patologie che coinvolgono sempre più cittadini sia per fattori genetici che ambientali

26
di Redazione
19 maggio 2019
13:50
Reggio Calabria, castello aragonese
Reggio Calabria, castello aragonese

Oltre 40 comuni italiani illumineranno questa sera di viola un monumento famoso a supporto della Giornata mondiale delle Malattie infiammatorie croniche intestinali che si celebra oggi. La lista, spiega la onlus Amici, fra gli organizzatori dell'iniziativa, comprende monumenti in tutta Italia, dalla Mole Antonelliana a Torino al Castello Aragonese a Reggio Calabria (foto Autostrada del mediterraneo), alla Fontana di Largo Garibaldi a Modena.

 

«Illuminare - spiega Enrica Previtali, presidente Amici Onlus - vuol dire portare luce su qualcosa che non ne ha. Proprio perché fortemente simbolico, abbiamo scelto con consapevolezza di aderire a questa iniziativa globale per costruire la campagna della giornata mondiale delle Mici. Queste patologie hanno bisogno di attenzione continua, ricerca scientifica costante, un pieno empowement da parte del paziente ed un rapporto di fiducia con il medico fondato su comunicazione, informazione, partecipazione. E' uno sforzo mondiale quello che farà illuminare i monumenti di viola. Vogliamo sensibilizzare la pubblica opinione sul fatto che migliorare la qualità di vita per le persone affette da Mici è possibile».

 

I primi sintomi delle "Mici", ricorda l'associazione, sono dolore addominale, diarrea, a volte con sangue e muco, perdita di peso, ma esistono anche manifestazioni extra intestinali, che possono precedere quelle intestinali, fra cui, peculiare per l'età pediatrica, è l'arresto della crescita. Alcuni pazienti scoprono di avere una malattia infiammatoria cronica intestinale solo dopo aver consultato un reumatologo o un dermatologo, perché soffrono di dolori articolari o lesioni della pelle. Non se ne conoscono le cause e sono considerate malattie multifattoriali. L'ipotesi più accreditata è quella di una interazione fra sistema immunitario con fattori genetici, e soprattutto fattori ambientali, quali quelli legati allo stile di vita.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio