Coronavirus, i ricercatori: «Contagiosi anche 2-3 giorni prima dei sintomi»

Lo studio condotto dall'Università di Hong Kong evidenzia che le misure di controllo dovrebbero essere calibrate tenendo contro di una «considerevole trasmissione asintomatica»

36
di Redazione
16 aprile 2020
10:13

Le persone che hanno contratto la Covid-19 possono cominciare a emettere particelle del virus SarsCoV2, e quindi essere contagiosi, da due a tre giorni prima di manifestare i sintomi della malattia. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Nature Medicine e condotta dall'Università di Hong Kong e riportata anche dall'ansa. I ricercatori, coordinati da Eric Lau, ritengono che le misure di controllo dovrebbero essere calibrate tenendo contro di una «considerevole trasmissione asintomatica».

 

La ricerca, dalla quale emerge la stima che il 44% dei contagi documentati sia avvenuto da persone pre-sintomatiche, è stata condotta in Cina, nel Guangzhou Eighth People's Hospital, su 94 pazienti nei quali era stata confermata la diagnosi di Covid-19, e i dati sono stati confrontati con quelli relativi a 77 casi di trasmissione documentata nelle banche dati cinesi e internazionali per calcolare il tempo trascorso tra l'insorgenza dei sintomi in ogni caso.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, lo studio: «Può circolare nell’aria attraverso il respiro»

Su questa base i professionisti hanno assunto che il periodo di incubazione, ossia il tempo tra l'infezione e la comparsa dei sintomi, è di poco più di cinque giorni; hanno inoltre dedotto che chi contrae il virus comincia a essere contagioso due o tre giorni prima che compaiano i sintomi e che l'apice della contagiosità viene raggiunto 0,7 giorni prima dei sintomi. Il manifestarsi della malattia è tuttavia stato ricostruito sulla base dei ricordi dei pazienti.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio