Donò il rene alla moglie, un 2019 di speranza con la storia di Biagio e Concettina

VIDEO | Un messaggio di amore e generosità partito dal cuore delle Serre vibonesi. Il trapianto consentì alla donna di superare un calvario di dialisi e sofferenze. Eppure la donazione degli organi rimane argomento tabù in Calabria

106
di Giusy D'Angelo
25 dicembre 2019
09:04
Concettina e Biagio durante la degenza in ospedale a Reggio Calabria
Concettina e Biagio durante la degenza in ospedale a Reggio Calabria

Un trapianto per salvare la vita della moglie, gravemente malata. Quella di Biagio Salerno e Concettina Giunta è una delle storie più toccati del 2019. Nel mese di aprile attraverso le nostre pagine abbiamo raccontato questa vicenda, partita da Serra San Bruno, nel Vibonese e giunta a Reggio Calabria dove la coppia si era sottoposta a un delicato intervento chirurgico. La donazione del rene del 63enne consentì alla donna, affetta da policistosi renale, di interrompere un calvario fatto di dialisi e sofferenza. Un clamore mediatico inatteso per entrambi che non si aspettavano di finire sotto i riflettori di mezza Italia: «Per me è stato un gesto spontaneo, normale, non pensavo che venisse su un caso, l’ho fatto senza alcun problema perché era giusto», rispondeva Biagio. L’idea del trapianto era partita proprio dall’uomo, assistere al calvario quotidiano della sua compagna, era diventato insopportabile. Per l'amore della sua vita, doveva fare qualcosa.

L’intervento di trapianto a Reggio

L’iter è stato tutt’altro che semplice: accertata la compatibilità del gruppo sanguigno hanno effettuato tutti gli accertamenti clinici per verificare l’idoneità dei parametri: «In molti mi dicevano – ribadiva Biagio - di andare al Nord o in altri posti, ma noi qua a Reggio ci siamo sempre trovati bene. I medici ci hanno non solo supportato, ma anche “sopportato” perché la paura era tanta. Non ho mai avuto dubbi né ho pensato di tirarmi indietro». Una storia di sentimenti genuini e profondi ma soprattutto di grande speranza. Perché se Concettina ha potuto riassaporare la vita e la libertà lo deve in particolare al suo donatore. Per questo, il messaggio non può che essere universale e passa dall’importanza di sensibilizzare sul tema della donazione degli organi.

La donazione in Calabria

Un atto di amore e di generosità nei confronti del prossimo in una terra che ha dimostrato di aprirsi con lentezza e titubanza verso un argomento considerato tabù per molti anni. In base all'indice del dono, dichiarazioni di volontà sulla donazione di organi e tessuti, la Calabria si attesta alla ventesima posizione. Le province calabresi detengono posizioni molto basse: Vibo Valentia all'82esimo posto, Cosenza al 99esimo. Reggio 102esimo posto e Catanzaro al 106esimo su un totale di 109 province analizzate.

Giusy D'Angelo

 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio