Intervento salvavita

I medici del Gom di Reggio salvano 40enne vibonese dopo infarto e rottura di cuore

La diagnosi tempestiva al nosocomio di Tropea e il trasferimento d’urgenza al Grande ospedale metropolitano dove è stato operato hanno consentito all’uomo di ristabilirsi

576
21 giugno 2022
13:54

Un eccezionale intervento chirurgico al Gom di Reggio Calabria ha salvato la vita ad un giovane vibonese dopo un infarto e rottura di cuore. I dettagli sono contenuti in una nota dell’ospedale. Il paziente, proveniente dall’ospedale di Tropea, proprio nelle scorse settimane è stato dimesso dalla Cardiochirurgia del Grande ospedale metropolitano dove era stato trasportato in gravi condizioni.

A seguito di approfonditi accertamenti nel nosocomio della Perla del Tirreno era emersa la diagnosi di infarto miocardico nonché rottura del setto interventricolare. Trasferito d’urgenza in eliambulanza al Gom si è proceduto all’esecuzione della diagnostica cardiologica specifica e soprattutto della coronarografia, che hanno confermato la rottura post-infartuale del setto interventricolare, l’occlusione completa della coronaria destra e la stenosi critica delle altre coronarie. Il quarantenne calabrese è stato dunque sottoposto, in emergenza, ad un intervento chirurgico di bypass coronarico ed esclusione del difetto tra i due ventricoli secondo la tecnica di David. La grave disfunzione del ventricolo destro dopo l’infarto – si legge nella nota dell’ospedale - ha impedito lo svezzamento dalla circolazione extracorporea richiedendo l’utilizzo dell’Ecmo veno-arterioso dal quale il paziente è stato staccato dopo 5 giorni. L’uomo è stato dimesso dopo 37 giorni di degenza in buone condizioni.


«L’eccezionalità di questo caso – specifica il Gom- sta nel fatto che la rottura del cuore, quando associata all’infarto destro è gravata da un’altissima quanto improvvisa mortalità. Non da meno è l’associazione tra l’impianto dell’Ecmo e la particolare complessità dell’intervento chirurgico secondo la tecnica di David che consiste nell’esclusione del difetto cardiaco attraverso la creazione di una parete “accessoria” tra i due ventricoli del cuore utilizzando una “toppa” di pericardio eterologo suturata nel ventricolo sinistro».

 In tutto ciò «la tempestiva diagnosi effettuata presso l’Ospedale di Tropea, il veloce trasporto in eliambulanza ed il complesso intervento chirurgico in Ecmo effettuato presso la Cardiochirurgia del Gom hanno fatto sì che il paziente venisse dimesso in Riabilitazione». Un lavoro di squadra che ha permesso all’uomo di ristabilirsi: «La direzione strategica del Gom -conclude la nota - esprime viva soddisfazione per quanto realizzato dal “Centro Cuore” a conferma oramai che l’Ospedale reggino è in grado di dare risposte concrete per il trattamento di tutte le patologie cardiovascolari anche di quelle più complesse».

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top