Ospedale di Trebisacce, i sindaci dello Jonio cosentino: «Riapriamolo»

La lettera dei primi cittadini è stata indirizzata alla presidente della Regione, Jole Santelli, all’Asp di Cosenza e al commissario Saverio Cotticelli: «Si dia esecuzione alla sentenza»

238
di Redazione
11 aprile 2020
13:13
L’ospedale di Trebisacce
L’ospedale di Trebisacce

I sindaci di tutti i paesi dell'Alto Ionio cosentino hanno scritto una lettera al presidente della Regione Jole Santelli, al commissario dell'Asp di Cosenza Giuseppe Zuccatelli, e al commissario per piano di rientro Saverio Cotticelli, per chiedere la riapertura dell'ospedale Chidichimo di Trebisacce, «già sancita dalla sentenza numero 1551 del 2015 del Consiglio di Stato e dal decreto del commissario ad acta 30/2016».

 

«Facendo seguito a quanto già comunicato e richiesto dal sindaco di Trebisacce - si legge nella missiva - sollecitiamo un immediato riscontro e chiediamo urgente esecuzione della sentenza Consiglio di Stato e/o del decreto del Commissario ad acta 30/2016. Evidenziamo come, anche in piena emergenza Covid-19, non solo siano stati sospesi i ricoveri nella lungodegenza e non rinnovata la convenzione con gli anestesisti, fino al 20 marzo utilizzati nel Pronto soccorso di Trebisacce, quanto sebbene siano stati adottati degli atti amministrativi e siano stati pronunciati provvedimenti giurisdizionali, ancora ad oggi, per il presidio di Trebisacce, si vive nel perenne oblio e disinteresse».

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Trebisacce: «Ospedali periferici dimenticati nel gestire l’emergenza»

 «Ciò ha comportato – riferiscono ancora - l’impossibilità a ricorrere ai provvedimenti governativi e legislativi che consentono il reperimento urgente di personale e l'acquisto di attrezzature per fronteggiare non solo l'emergenza coronavirus, ma soprattutto le emergenze urgenze ordinarie. Chiediamo pertanto, ad ognuno per quanto di competenza, un'adeguata e necessaria attenzione, di attuare provvedimenti urgenti per consentire anche ai cittadini di questo vasto comprensorio di poter disporre di cure adeguate, nonché' l'immediata attivazione e potenziamento dei servizi ospedalieri, peraltro già previsti».

 

«Allo stesso qual modo - conclude la lettera – è indispensabile e non più procrastinabile ormai avviare le procedure per l'appalto del ripristino delle sale operatorie. Si chiede, infine, un incontro urgente per meglio pianificare e programmare gli interventi».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio