Alloggio e corsia

Medici cubani, l’Asp di Reggio cerca casa ai 52 sanitari che lavoreranno nei 4 ospedali provinciali

VIDEO | Avviso pubblico dell’Azienda che vuole individuare un servizio alberghiero per i professionisti per un periodo di sei mesi prorogabili di altri sei. Ecco dove presteranno servizio

460
di Redazione
16 ottobre 2022
19:28

Sedici negli ospedali hub di Polistena e Locri, 10 in quelli di Gioia Tauro e Melito Porto Salvo. È la divisione dei 52 (su 497 in totale che arriveranno in Calabria) medici cubani che prenderanno servizio nelle strutture sanitarie dell’Asp di Reggio Calabria. A svelarlo un provvedimento della stessa Azienda sanitaria provinciale guidata dalla commissaria Lucia di Furia, che è anche in cerca di un servizio alberghiero per i professionisti per un periodo di sei mesi prorogabili di altri sei.

Chi vorrà candidarsi ad ospitare i medici dovrà quindi aderire all’avviso entro la fine del mese. «Le soluzioni abitative – si legge nell’avviso pubblico - dovranno essere dotate di acqua, luce, gas, mobilio, elettrodomestici, utensili da cucina o servizio pasti, ricambio biancheria o presenza di lavatrice, internet, climatizzazione (caldo freddo)».


Un avviso che rientra nell’accordo quadro che la Regione Calabria aveva siglato con la Comercializadora de Servicios Medicos Cubanos S.A. Un accordo che aveva scatenato nei mesi scorsi un serie di polemiche tra sindacati e ordini professionali nazionali e calabresi da una parte e la Cittadella dall’altra.

Polemiche che sono proseguite nell’ultima settimana, alimentate proprio dalle condizioni stringenti contenute nella direttiva del governo cubano riportata nella lettera che quattro europarlamentari hanno inviato nei giorni scorsi al presidente della giunta regionale, Roberto Occhiuto, chiedendogli di non avallare, con il famoso accordo sull’arrivo di circa 500 sanitari dai Caraibi, questo tipo di regole.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top