In cella

«È depressa e pesa 39 chili»: il consigliere Laghi visita in carcere a Castrovillari l’attivista curda accusata di essere una scafista

L'esponente di De Magistris Presidente è tornato a valutare le condizioni di Maysoon Majidi: «Continua a chiedersi perché si trovi qui incolpata di qualcosa che mal si coniuga con i principi che hanno sempre ispirato la sua vita e che l’hanno costretta alla fuga»

5
di Redazione Attualità
14 giugno 2024
11:05
L’attivista curda Maysoon Majidi. Nel riquadro, il consigliere regionale Ferdinando Laghi
L’attivista curda Maysoon Majidi. Nel riquadro, il consigliere regionale Ferdinando Laghi

È sempre più provata Maysoon Majidi, l'attivista curdo iraniana detenuta nel carcere di Castrovillari con l'accusa di essere una scafista. È per questo che il consigliere regionale Ferdinando Laghi è tornato a farle visita. Sia per valutare le condizioni di salute, dopo averla trovata assai provata la scorsa volta, in occasione dello sciopero della fame - nonostante l'ottimo trattamento riservatole in carcere, - e da rappresentante delle istituzioni, alla luce della prossima udienza con giudizio immediato che si terrà il 24 luglio prossimo e sancirà per la Majidi l'inizio del processo vero e proprio.

Leggi anche

«Maysoon ha difficoltà ad alimentarsi, basti pensare che ora pesa solo 39 kg - ha detto Laghi al termine della visita - ma ciò che maggiormente mi preoccupa è lo stato di ansia e depressione in cui si trova. La giovane, in effetti, non si rende conto del perché sia sottoposta al regime carcerario, considerato che era in fuga da un regime repressivo che minacciava proprio la sua libertà e la sua stessa vita».


Leggi anche

«Questa ragazza, di etnia curda, attivista per i diritti umani in Iran, giornalista e regista, continua a chiedersi perché si trovi ora accusata di un crimine terribile e infamante - continua Laghi - un'accusa, quella di essere una “scafista”, che mal si coniuga con i principi che hanno sempre ispirato la sua vita e che l’hanno costretta alla fuga; fuga resa possibile dalle elevate somme di danaro pagate dalla sua famiglia, per consentire a lei e al fratello, oggi in Germania, una vita più sicura e migliore. Certo una vicenda piena di lati oscuri, che richiedono di essere - e certamente lo saranno - adeguatamente approfonditi e valutati per giungere ad una giustizia giusta, celere e umana».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all news Guarda lo streaming di LaC Tv Ascola LaC Radio
top