Teorema Roccaforte

’Ndrangheta, dodici condanne e un’assoluzione nel processo contro la cosca Libri

Confermate le accuse anche in appello. La pena più alta (19 anni) per il boss Filippo Chirico, genero del defunto Pasquale Libri

28
di Redazione
9 dicembre 2021
20:32
La Corte d’appello di Reggio Calabria
La Corte d’appello di Reggio Calabria

Si è concluso con 12 condanne e un'assoluzione il processo "Teorema-Roccaforte" svoltosi a Reggio Calabria, in Corte d'Appello (presidente Olga Tarzia). La pena più alta è stata inflitta al boss Filippo Chirico, genero del defunto Pasquale Libri, condannato a 19 anni di reclusione, uno in meno rispetto a quanto disposto con la sentenza di primo grado, emessa nel 2019.

Anche nel processo di secondo grado, i giudici hanno confermato le accuse contestate dal sostituto procuratore della Dda Walter Ignazitto che ha coordinato le indagini condotte dalla Squadra mobile di Reggio Calabria e dal Ros dei carabinieri sulla cosca Libri, una delle più importanti cosche che si stava espandendo nelle varie zone della città.


Le condanne

Sono stati condannati anche Angelo Chirico a 11 anni e 4 mesi e Anita Repaci a 8 anni e 8 mesi, figlio e compagna del reggente della cosca Filippo Chirico. La Corte d'Appello ha giudicato colpevoli anche Antonio Riccardo Artuso, condannato 12 anni e 8 mesi; Gaetano Tomaselli (12 anni e 4 mesi), Demetrio Morabito (8 anni), Domenico Ventura (9 anni e 4 mesi), Maria Teresa Ventura (8 anni), Salvatore Repaci (5 anni e 4 mesi), Bruno Caridi (2 anni), Carmela Nucera (un anno e 4 mesi) ed Elisabetta Ferro (10 mesi e 20 giorni). È stata confermata, infine, l'assoluzione di Pasquale Repaci.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top