Coronavirus, a Cetraro morta una donna: sale a nove il bilancio delle vittime in Calabria

La 57enne era originaria di Corigliano Rossano. Questa mattina all'ospedale di Cosenza registrato un altro decesso

507
di Francesca  Lagatta
24 marzo 2020
11:17
L’ospedale Giannino Iannelli di Cetraro
L’ospedale Giannino Iannelli di Cetraro

Altro decesso in Calabria per covid-19. Si tratta di una donna di 57 anni morta all'ospedale di Giannino Iannelli di Cetraro a causa del coronavirus. Si tratta di una donna originaria di Corigliano Rossano, ricoverata nella struttura da qualche giorno.

Salgono così a nove i decessi in calabria per il Covid-19. In mattinata ha perso la vita anche Franco Cittadino, 75 anni, residente a San Lucido, ricoverato nel reparto di terapia intensiva all'ospedale di Cosenza dallo scorso 11 marzo. Dopo Gianni Mazza, Cittadino è il secondo decesso della cittadina tirrenica chiusa dalla presidente della Regione Calabria Jole Santelli a causa della presenza di un focolaio, ancora prima delle restrizioni governative attuali che, di fatto, impediscono l'entrata e l'uscita da ogni comune italiano.

Il centro Covid-19 di Cetraro

La struttura cetrarese, diretta da Vincenzo Cesareo, è stata adibita a centro Covid-19 per la fascia tirrenica cosentina. Dopo la tenda pretriage, che ha funzionato regolarmente dal primo giorno, si è provveduto a creare un percorso esterno per il trasporto dei pazienti contagiati nella sala tac, lo strumento diagnostico che fotografa senza percentuale di errori la zona polmonare. Inoltre, si è provveduto ad attivare 5 dei 6 posti disponibili di terapia intensiva e altri 5 di terapia sub-intensiva.

L'incubo del medico contagiato

Qualche giorno fa, si è avuta notizia di un medico di Grisolia, ma residente a Santa Maria del Cedro, contagiato dal coronavirus. L'uomo presta servizio proprio in un reparto dell'ospedale di Cetraro e la circostanza aveva allarmato i colleghi e pazienti. Per questo, tutti gli operatori sanitari sono stati sottoposti a test del tampone e per fortuna finora hanno dato tutti esito negativo. Il medico, ai primi sintomi, aveva provveduto a isolarsi volontariamente tra le mura della sua abitazione.

Tutto ha avuto inizio a Cetraro

Cetraro è la città tirrenica cosentina che ha fatto registrare il primo paziente calabrese affetto da coronavirus. Si tratta di un uomo da anni residente al nord, dialitico e in cura all'ospedale di Casalpusterlengo, uno dei primi comuni italiani indicati come zona rossa a causa dei focolai. L'uomo aveva fatto ritorno in terra natìa con la moglie per un breve periodo di vacanza e, dopo qualche giorno, anche la moglie è risultata positiva al test del tampone. Mentre per la donna è stata sufficiente la quarantena a casa, senza particolari trattamenti, l'uomo ha avuto un peggioramento delle condizioni ed è stato ricoverato all'ospedale Annunziata di Cosenza, dove ancora lotta per la guarigione.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio