Asp Cosenza, la Procura indaga sulle ore lavorative prestate dai medici Covid

VIDEO | L’importo complessivo ammonta a 700mila euro, cifra considerevole che sembra suggerire incongruenze tra la retribuzione percepita e la prestazioni effettivamente svolte

150
di Salvatore Bruno
29 dicembre 2020
17:18

I militari del nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle hanno varcato la soglia degli uffici dell'Asp di Cosenza, ieri mattina 28 dicembre, per acquisire la documentazione relativa alle prestazioni aggiuntive effettuate dai componenti della task force Covid-19 durante il periodo febbraio-novembre 2020.

Migliaia di ore in più

Si tratta di migliaia di ore di lavoro, retribuite con 60 euro lorde ciascuna, in parte certificate dal direttore dell'Unità operativa di Igiene pubblica, Mario Marino, in parte registrate dagli apparecchi di rilevazione elettronica delle presenze. Sulla vicenda la Procura ha avviato una indagine conoscitiva.


L'interrogazione di Sapia

Non è chiaro se l'attività dei magistrati sia da ricondurre alle interpellanze parlamentari presentate sull'argomento dal deputato Francesco Sapia che aveva stigmatizzato l'eccessivo ammontare delle prestazioni aggiuntive liquidate, pari complessivamente a circa 700mila euro.

Accertamenti mirati

Si intende accertare, dunque, se le ore lavorative aggiuntive certificate siano state effettivamente prestate, tenendo presente che i contratti collettivi del comparto prevedono un orario di 38 ore settimanali con due rientri pomeridiani ed il riposo sia sabato che domenica.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top