L’inchiesta di LaC

Blocco dei fondi europei destinati alla Calabria: lo scoop di LaC News24 diventa un caso nazionale

L'inchiesta della nostra testata rilanciata da Fatto quotidiano e Sole 24 Ore. Intanto c'è attesa per il prossimo Comitato di Sorveglianza che vedrà proprio la Regione confrontarsi direttamente con la Commissione Europea (ASCOLTA L'AUDIO)

51
di Redazione
27 ottobre 2021
12:31

Travalica i confini regionali l'inchiesta di LaC News24, che ha scoperto l'interruzione dei pagamenti dell'Unione Europea verso la Regione Calabria a causa di gravi carenze amministrative nel sistema di controllo e gestione dei fondi europei. L’esclusiva, pubblicata la scorsa settimana e che ha portato all’interrogazione urgente alla Commissione Europea dell'europarlamentare calabrese Laura Ferrara e alle pesanti reazioni di tutto il mondo politico calabrese, riguarda la scoperta di una serie di carenze amministrative sul Fondo Sociale Europeo, che hanno portato Bruxelles ad interrompere momentaneamente i rimborsi nei confronti della Regione Calabria in attesa di approfondire e ricevere maggiori chiarimenti.

Subito dopo la pubblicazione dei nostri articoli, la Regione Calabria (in una nota non firmata) aveva provato a minimizzare, parlando di problemi di rendicontazioni legati a domande di pagamento del 2018 ed a spese ancora precedenti; questa versione però è stata totalmente smentita dalla Commissione Europea, che in una risposta alle nostre domande ha precisato che le domande di pagamento bloccate sono relative ai mesi di giugno e luglio del 2021, per un importo totale superiore ai 60 milioni.


Intanto il caso continua a gonfiarsi e a finire sulle pagine dei quotidiani nazionali. Prima Il Fatto Quotidiano due giorni fa e poi Il Sole 24 Ore questa mattina hanno rilanciato l'inchiesta di LaC News24: il principale quotidiano economico italiano, difatti, ha dedicato un'intera pagina alla nostra esclusiva, sottolineando le risposte della Regione definite “molto strane” e specificando come questa interruzione potrebbe trasformarsi in qualcosa di molto più serio e pesante per la Regione Calabria, che potrebbe addirittura arrivare (in caso persistano le criticità) alla sospensione a tempo indeterminato dei trasferimenti europei.

Intanto c'è attesa per il prossimo Comitato di Sorveglianza: si tratta infatti di un evento importante, che vede la Regione Calabria confrontarsi direttamente con i rapporter della Commissione Europea, i rappresentanti del Governo e i membri del tavolo partenariale, come sindacati e associazioni di categoria. È quella l'occasione solitamente per analizzare sia le criticità che i punti di forza del programma: in questa occasione uno spazio importante sarà anche dedicato alla nuova programmazione 2021-2027, che dovrebbe concludere il suo tortuoso cammino di approvazione. L'attesa è alta non solo per l'importanza che è queste risorse avranno per i prossimi 10 anni, ma anche a causa delle polemiche che scaturirono in Consiglio regionale, quando alcuni consiglieri scoprirono che documento inviato per l'approvazione aveva delle parti copiate da analoghi documenti di Lombardia e Toscana.

Il 5 novembre, questa la data in cui dovrebbe tenersi il prossimo comitato di sorveglianza, sarà l'occasione per sentire la versione ufficiale della Regione ed i pareri della Commissione circa queste criticità sul fondo sociale europeo, che potrebbero però replicarsi anche sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale: intanto le domande di pagamento sono bloccate, la questione si allarga e la Regione continua a tacere.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top