Condannato a 20 anni di carcere il “mostro di Gizzeria”, torture e violenze a moglie e figli

La condanna per Francesco Rosario Aloisio Giordano arriva in Corte d’Assise. Una storia agghiacciante andata avanti per anni

131
di Redazione
18 febbraio 2020
15:20

Arriva la condanna a 20 anni di carcere Corte d’Assise a Lamezia Terme per il “mostro di Gizzeria”, Francesco Rosario Aloisio Giordano. L’uomo, lametino, 52 anni era accusato di maltrattamenti in famiglia, riduzione in schiavitù e violenza sessuale pluriaggravata.

LEGGIDieci anni di violenze e orrori, parla la donna vittima del mostro di Gizzeria


Una storia agghiacciante quella venuta fuori dopo un posto di blocco, quando le forze dell’ordine insospettite dall’uomo vollero fare ulteriori controlli nella sua abitazione, arrivando così in quella baracca nei pressi di Gizzeria in cui era rinchiusa la compagna, di nazionalità romena, insieme alla figlioletta minore, tre anni appena, in condizioni igienico sanitarie precarie e al buio.

 

LEGGIViolenze e abusi a Gizzeria, al via il processo in Assise

 

L’uomo avrebbe tra il 2007 e il 2017 usato violenza fisica e psicologica nei confronti dei figli e della moglie, con tanto di torture, chiusura di ferite con filo da pesca, e stupri.

 

Ma non solo. Quello che poi è diventato noto alle cronache come “il mostro di Gizzeria” avrebbe anche cercato di insegnare al figlio maggiore, di 9 anni, come picchiare la madre, percuotendolo quando si rifiutava ed incalzandolo ad insultarla.


LEGGI:
Sopravvissuta all'inferno

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio