Una vita sospesa

Covid, confinata in un limbo perché non può fare la seconda dose: «Giocano a tennis con la mia vita»

Dopo la prima somministrazione a luglio l'insorgere di un problema che non consente tuttora alla 32enne di completare il ciclo senza il rischio di danni più gravi. Ma nessuno si assume la responsabilità di rilasciarle un certificato di esenzione che le permetta di tornare al lavoro

364
di Mariassunta Veneziano
19 gennaio 2022
11:54

La sensazione è netta: «Stanno giocando a tennis con la mia vita». Perché la vita di Veronica, in questo momento, è esattamente così: una pallina che rimbalza da una parte all’altra, e a ogni rimbalzo è un nuovo colpo che fa sempre più male e quello che sta nel mezzo non è più piacevole. La sospensione. Perché è da qualche mese che la vita di Veronica continua a fluttuare tra incertezze, ansie, mancate risposte. Il futuro? Neanche a pensarci, non ora, quando è il presente che manca. A 32 anni.

Veronica non si chiama così, ha scelto di non mostrarsi con la sua identità, ma la sua storia vuole invece raccontarla. Perché magari non è l’unica a essere stata confinata in un limbo da norme che – in tempi difficilissimi come quelli che stiamo vivendo – morano a rendere la situazione certo non semplice, ma quantomeno gestibile. Per tutti, tranne forse che per chi rientra in casi come il suo. Casi rari ma esistenti, casi che camminano sulle gambe di persone. «Non penso di essere l’unica a cui sia capitata questa cosa e vorrei sapere come altri abbiano risolto un problema simile», dice.


Ed eccolo, il problema. In poche parole: l’impossibilità di completare il ciclo vaccinale – per motivi indipendenti dalla sua volontà – e nessun certificato di esenzione che le consenta di continuare a fare la sua vita.

Continua a leggere su Cosenza Channel

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top