L’analisi

Covid nel Crotonese, ritardi Asp nell’eseguire i molecolari: «Difficoltà dipendono dalla veloce diffusione del virus»

Sull’aumento dei ricoveri in ospedale il commissario Sperlì aggiunge: «Siamo in grado di attivare nel giro di 48 ore due posti di terapia intensiva»

34
di Francesca Caiazzo
28 dicembre 2021
13:25

Le difficoltà e i ritardi dell’Asp di Crotone nell’eseguire i tamponi molecolari sui soggetti risultati positivi al Covid a seguito di test antigenici «dipendono dalla veloce diffusione del contagio, che probabilmente è dovuto in gran parte alla variante Omicron, che è difficile da identificare perché le possibilità di sequenziamento non sono ancora così diffuse. Però, il servizio sanitario dell’Asp è organizzato per poter far fronte all’assistenza di questi pazienti, come ha già fatto nelle precedenti ondate della pandemia». Così il commissario dell’azienda sanitaria provinciale di Crotone, Domenico Sperlì, interpellato, a margine dell’apertura dell’hub vaccinale temporaneo allestito all’istituto comprensivo Alcemone, in merito ai ritardi nelle attività di tracciamento segnalati nelle scorse ore da alcuni sindaci del Crotonese.

L'aumento dei ricoveri

In merito all’aumento dei ricoveri di soggetti positivi al virus ha aggiunto: «In ospedale siamo organizzati in modo tale da poter accogliere i pazienti nell’area Covid, allestita all’inizio dell’emergenza pandemica. Siamo anche in grado di attivare nel giro di 48 ore due posti di terapia intensiva qualora ci fosse la necessità di assistere questi pazienti in trattamento intensivo».


Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top