“Calabria tutta mafia e terremoti”, EasyJet chiede scusa ma la pezza non copre il buco

VIDEO | La compagnia area sostituisce l’offensiva scheda che descriveva la regione come una terra desolata e pericolosa. Ma lo fa in modo approssimativo, parlando di “paesaggi alpini” a Lamezia

389
di Enrico De Girolamo
23 giugno 2020
11:17

«Stai cercando un volo per Lamezia? Candide spiagge incontaminate e meravigliosi paesaggi alpini…». EasyJet cerca di rimediare all’incredibile gaffe della scheda sulla Calabria, descritta come una terra desolata a causa di ‘ndrangheta e terremoti, ma a quanto pare la pezza è venuta decisamente male.
Dopo l’indignazione social che ha travolto la compagnia area low cost inglese, a causa di una descrizione offensiva della regione «mai affollata», ed esaltata per «l’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti», il vecchio testo è stato sostituito in tutta fretta con uno nuovo, cospargendosi il capo di cenere attraverso una nota ufficiale.

Le scuse

«EasyJet si scusa apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria - si legge nel comunicato - per la descrizione contenuta nella scheda informativa all’interno del sito. L’intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico. La Calabria è una terra per noi molto importante, che amiamo e che promuoviamo da sempre con numerosi voli. Abbiamo provveduto immediatamente a rimuovere il testo in questione e avviato un’indagine interna per capire l’accaduto e fare in modo che non accada mai più».

Pezza imbarazzante: sul mare paesaggi... alpini 

Buone intenzioni e scuse accettabili… se non fosse che il nuovo testo sembra realizzato con quasi maggiore approssimazione e superficialità del primo, con il baricentro spostato questa volta sulla città dell’aeroporto, forse nel tentativo (fallito) di non farla fuori dal vaso.
«Lamezia Terme si trova nel cuore del Mediterraneo», scrive EasyJet. E fin qui ci siamo. Ma poi aggiunge: «Grazie alle sue attraenti insenature, candide spiagge incontaminate, meravigliosi paesaggi montani e alpini, è una destinazione perfetta per le vostre vacanze». Beh, la Calabria è effettivamente ricca di insenature e calette, ma proprio a Lamezia non ce n’è traccia, visto che le spiagge sono grandi e sabbiose. Meno che mai sono presenti paesaggi alpini, salvo che non ci si voglia spingere sino in Sila e nei suoi boschi di conifere.
Dopo un breve excursus sulle «zone circostanti tutte da scoprire, dai templi greci, romani e normanni ai palazzi borbonici» e sulle terme di Caronte, la compagnia arancione si butta su un must dove è difficile sbagliare: il cibo. «La cucina locale è ricca e gustosa, e si basa essenzialmente su verdure essiccate e marinate, tonno rosso, pesce spada e salsicce piccanti. Essendo uno dei maggiori produttori al mondo di nocciole e agrumi, non potete proprio rinunciare ai deliziosi dolci tipici».

Lamezia caput mundi

Il resto della scheda continua parlando esclusivamente di Lamezia, definita «un posto favoloso, che vale la pena visitare in qualsiasi periodo dell’anno», citando pure Siambiase e Nicastro. Su tutto prevale l’aspetto meteorologico, con temperature «più miti rispetto agli altri paesi europei, che in estate raggiungono addirittura i 35 gradi!».
Insomma, una cosa che sembra buttata lì, più che altro per eliminare in fretta l’imbarazzante testo che fino a questa mattina campeggiava nella sezione “Ispirami” del sito ufficiale della compagnia, dove sono raccolte le informazioni turistiche dei Paesi e delle città nelle quali i velivoli con la livrea arancione fanno scalo.

Commenti: pochi pro, molti contro

La vecchia scheda ha sollevato un’ondata di commenti social, nella stragrande maggioranza dei casi estremamente critici verso la descrizione di una regione raccontata come una terra di frontiera disabitata e pericolosa. Anche se non sono mancati i commenti di chi, invece, ha visto in quelle parole un fondo di verità.
Sarcastico l’approccio del portale OpenCalabria, laboratorio di studi economici, che ha visto nelle parole di EasyJet un aiuto indiretto al turismo calabrese: «L’elemento che guiderà le scelte dei turisti sarà la sicurezza percepita dei luoghi di destinazione. In Calabria il distanziamento sociale sarà garantito in modo naturale dagli 800 chilometri di costa…». Come dire, non tutti mali vengono per nuocere.

LEGGI ANCHE: 


degirolamo@lactv.it

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio