“Calabria terra di mafia”, la politica contro EasyJet: «Offensivo. Chieda scusa»

Da Wanda Ferro (Fdi) a Ernesto Magorno (Iv), le reazioni alla descrizione della regione sul sito della compagnia aerea: «Falsa e piena di assurdi pregiudizi»

178
di Redazione
23 giugno 2020
09:50
Aereo della compagnia Easyjet (foto pagina Fb)
Aereo della compagnia Easyjet (foto pagina Fb)

Bufera su EasyJet. Non sono mancate le reazioni della politica sulla scheda informativa stilata dalla nota compagnia aerea sulla nostra regione.

In particolare, Wanda Ferro, parlamentare di FdI inserendosi nella discussione ha commentato: «Descrivere la Calabria come una terra di mafia e di terremoti dalla quale i turisti stanno alla larga, e i pochi che arrivano possono ammirare solo delle ‘case bizzarre’ è di una gravità senza precedenti».

Ferro: «Cartolina offensiva»

Per l’esponente di Fratelli d’Italia si tratta di «una ‘cartolina’ del tutto falsa e piena di assurdi pregiudizi, che ha l’effetto di danneggiare l’immagine di una regione che non solo può offrire ai visitatori un immenso patrimonio di tesori naturalistici, culturali e identitari, quanto oggi è una terra completamene libera dal Covid, ed è pronta ad accogliere in sicurezza turisti e viaggiatori grazie anche all’ottimo lavoro messo in campo dalla presidente Jole Santelli e dall’assessore al Turismo Fausto Orsomarso. Una terra - ha aggiunto - capace di offrire esperienze di viaggio emozionanti ed autentiche, e non solo quadretti da pubblicare su Instagram».

 

Pertanto: «La descrizione della Calabria pubblicata sul sito della compagnia britannica – ha detto ancora Wanda Ferro - è talmente distante dalla realtà e offensivo da non potere essere semplicemente frutto della superficialità, dell’ignoranza o degli incubi di chi ha redatto il testo. Il danno all’immagine della Calabria da parte di Easyjet è evidente, e rischia di avere ingiuste ripercussioni sulle attività turistiche. Per questo andrebbe sospeso immediatamente ogni eventuale rapporto della Regione con la compagnia aerea e andrebbero valutate possibili azioni risarcitorie».

Magorno: «Vergogna»

Protesta pure Ernesto Magorno, senatore di Italia Viva che su Twitter ha scritto: «Una sola parola per EasyJet: Vergogna! La Calabria è una terra meravigliosa con persone eccezionali. È una terra che accoglie e, con buona pace di chi scrive il contrario, è una regione che non soffre di assenza di turisti. EasyJet deve chiedere scusa e, prima di scrivere di Calabria, dovrebbe documentarsi meglio».

Ferrara: «La Calabria merita rispetto»

Al coro di critiche si unisce anche l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara: «È una vergognosa descrizione che offende la Calabria e la mia gente, crea un danno d’immagine e scoraggia evidentemente i turisti a visitare la nostra terra, che è e deve essere nota per il suo ricco e meraviglioso patrimonio paesaggistico ed enogastronomico, per le sue antiche tradizioni e per l’accoglienza ineguagliabile che i cittadini calabresi riservano ai turisti e agli ospiti tutti. In qualità di membro della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo scriverò ai vertici di EasyJet per chiedere che la descrizione della mia Regione venga cambiata immediatamente. La Calabria è una terra meravigliosa che merita rispetto. Basta pregiudizi sul Sud Italia».

Giannetta: «Contenuti imbarazzanti»

Sul tema è intervenuto anche il consigliere regionale di Forza Italia Domenico Giannetta: «Easy Jet rettifichi immediatamente la descrizione della Calabria dal proprio sito. La compagnia aerea - ha spiegato - ha scelto contenuti imbarazzanti, offensivi e qualunquisti per descrivere la destinazione Calabria agli appassionati di Instagram. Contenuti che nulla hanno a che vedere con l’identità, la storia, la cultura e la bellezza della nostra regione e del nostro popolo».

Orrico: «Caduta di stile»

Dura la posizione di Anna Laura Orrico in merito a quanto contenuto sul sito ufficiale del vettore britannico Easyjet, nella sezione delle destinazioni di viaggio : «Voglio sperare che sia stato un errore, una clamorosa caduta di stile e professionalità. Perché altrimenti, le informazioni che la compagnia aerea Easyjet fornisce sulla Calabria dal proprio sito internet, rappresentano un coacervo di luoghi comuni davvero imbarazzante».

Bevacqua: «Intervenga la Santelli»

Non si è fatto attendere, inoltre, il commento di Mimmo Bevacqua, capogruppo Pd: «Se dovesse essere vera la pubblicità come quella messa in campo da easyJet sarebbe davvero offensiva nei confronti della Calabria e dei tanti calabresi onesti. La fotografia che ne  viene fuori è davvero devastante e senza possibilità di appello verso la nostra regione. Ecco perché chiedo un intervento immediato della presidente Santelli e anche del governo nazionale. Non si può continuare a dare una rappresentazione solo negativa della nostra regione». 

 

«Una campagna pubblicitaria che lascia attoniti. Nei temi, nei contenuti, nella proposizione. Come si può pensare di attirare clienti e viaggiatori allineando, ancora una volta, la Calabria alla ‘Ndrangheta ed al mal costume? È importante che tutti, senza alcun colore politico, prendano posizione sulla vicenda e si ponga fine, una volta per tutte, alla denigrazione perpetua del territorio».

Provenzano: «La compagnia chieda scusa»

Sul caso, con un breve messaggio su twitter, il ministro per la Coesione territoriale Peppe Provenzano ha specificato: «Easyjet chieda scusa, alla Calabria e all'Italia. Non c'è altro da aggiungere».

Abramo: «Pensavo fosse una fake news»

Sul piede di guerra anche il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. «Se Easyjet non modifica, non rettifica e, soprattutto, non si scusa con la Calabria e i calabresi, attiverò l’ufficio legale della Provincia per tutelare nelle sedi opportune l’immagine della nostra terra»

«Nel leggere la notizia di come la compagnia aerea ha “promosso” i voli verso l’aeroporto internazionale di Lamezia, ho pensato si trattasse di uno dei tanti fake che circolano sui social. Mio malgrado – ha aggiunto Abramo - ho scoperto subito, collegandomi direttamente sulla pagina di Easyjet, che la realtà questa volta ha superato ogni forma di immaginazione. Pregiudizio, pressappochismo, una narrazione distorta della nostra e anche una forma evidente di razzismo culturale: se voleva raggiungere il limite il “genio” del marketing che si è inventato questo claim è abbondantemente riuscito nel suo intento. E così facendo ha indignato una regione intera, stufa di dover ascoltare o leggere queste ridicole e fasulle banalità, smentite dai fatti e dai commenti – a Easyjet dovrebbero saperlo – sempre positivi di chi viene a visitarci. Mi auguro  conclude - che la compagnia si corregga al più presto scusandosi sinceramente. Altrimenti ne risponderà in Tribunale».

 

LEGGI ANCHE: “Calabria tutta mafia e terremoti”, EasyJet chiede scusa ma la pezza non copre il buco

 

Mangialavori: «Le scuse non bastano»

Nella tarda mattinata, poi, sono giunte le scuse dalla compagnia. Troppo poco a giudizio del senatore di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori: «La sezione "Ispirami" del sito della compagnia inglese - ha argomentato il parlamentare - riportava un testo molto offensivo perché spiegava "l'evidente assenza di turisti" (affermazione falsa) con la sua "storia di attività mafiosa e di terremoti" e con la "mancanza di città iconiche come Roma o Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram».

 

«Francamente, era difficile realizzare una descrizione peggiore di questa. La Calabria - ha continuato Mangialavori - avrebbe meritato ben altre parole, non queste, permeate di pregiudizi in gran parte falsi. Il danno di immagine prodotto da EasyJet potrebbe essere davvero rilevante. Ecco perché le scuse, da sole, potrebbero non bastare. Ci auguriamo - conclude il senatore di Fi - che la compagnia, nel prossimo futuro, voglia investire maggiormente nella promozione della Calabria. Magari potrebbe farlo descrivendo gli innumerevoli tesori di cui dispone questa regione: da Tropea a Scilla, dai Bronzi di Riace al Codex Rossanensis, dall'Area archeologica Antica Kroton ai tre Parchi nazionali. La lista potrebbe essere infinita, c'è l'imbarazzo della scelta, altro che mafia e terremoti».

Graziano: «Calabria terra di storie»

Quindi il commento del commissario del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano: «La descrizione fatta da EasyJet della Calabria era una vergogna assoluta, bene ha fatto la compagnia aerea a chiedere immediatamente scusa, rimuovere lo scritto e avviare una indagine interna». «Da campano – ha rimarcato -che ha imparato ad amare le bellezze di questa terra consiglio a turisti italiani e esteri di non cadere nei facili stereotipi e di visitarla. La Calabria è terra di storie, eccellenze e un mare bellissimo».

Sofo: «Lanci nuove rotte per la Calabria»

E ancora, l'europarlamentare della Lega Vincenzo Sofo ha rimarcato: «L'unico modo utile che Easyjet ha per scusarsi con i calabresi per la vergognosa descrizione fatta di questa regione è quella di attivare nuove rotte su Reggio e Lamezia con offerte sui prezzi dei voli per questa estate, così rimedierà alla gaffe favorendo la conoscenza della vera Calabria, che non è mafia e terremoti ma è patrimonio storico, archeologico, naturalistico, enogastronomico, linguistico. Mi appello ancora una volta a Jole Santelli affinché la Regione Calabria avvii una campagna nazionale e internazionale di promozione del nostro territorio - coinvolgendo anche i nostri conterranei che vivono fuori regione - affinché si cambi una volta per tutte l'immagine della Calabria nel mondo».

 

A giudizio dell’esponente leghista: «Dobbiamo valorizzare le nostre ricchezze culturali e far emergere da sottoterra il nostro patrimonio archeologico per raccontare all'esterno che le guerre che i turisti possono rivivere venendo in vacanza nel nostro territorio non sono le faide tra famiglie mafiose bensì le battaglie tra poleis della Magna Grecia, quelle da cui è nata l'Europa».

 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio