Matrimoni combinati per ottenere il permesso di soggiorno: arresti nel Catanzarese

Eseguite 11 misure cautelari nell'ambito dell'operazione condotta Squadra mobile di Catanzaro e coordinata dalla Procura. Coinvolto anche un poliziotto dedito alla gestione e sfruttamento di un giro di prostituzione - I NOMI

146
di Redazione
11 marzo 2020
08:03

Matrimoni combinati per ottenere il permesso di soggiorno e sfruttamento della prostituzione. Sono questi i reati contestati alle persone destinatarie di misura cautelare nell'ambito di un'indagina condotta dalla Squadra Mobile di Catanzaro e diretta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro – Direzione distrettuale antimafia.

11 misure cautelari

Nel dettaglio è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 7 persone ritenute responsabili di appartenere ad una associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina attraverso l’organizzazione di matrimoni di comodo e la produzione di ulteriore documentazione falsa.

Domiciliari per:

  • Rita Maletta
  • Cesare Votta Yu
  • Jinwei detta Rosaa


    Obbligo di dimora:

  • Giovanni De Santis
  • Giuseppe De Santis
  • Antonio De Santis
  • Rita La Face


    Quattro persone, destinatarie di una seconda ordinanza cautelare ritenute, gravemente indiziate del reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Domiciliari:

  • Francesco Bagnato 
  • Antonio Fratto

Obbligo di dimora per Bruno Dolce. Irreperibile un cittadino rumeno.

Le indagini

Le misure cautelari (per 5 indagati sono stati disposti gli arresti domiciliari e per 6 l’obbligo di dimora nel comune di residenza) costituiscono l’epilogo di un’attività investigativa avviata dopo la segnalazione di alcune pratiche sospette da parte dell’Ufficio Immigrazione della Questura, che segnalava l’utilizzo di certificazioni che riportavano il medesimo protocollo e quindi ritenute false.


L’avvio di intercettazioni ambientali e telefoniche faceva emergere quindi l’esistenza di una vera e propria struttura organizzata, che tra i vari artifici utilizzati per il rilascio dei permessi di soggiorno, a favore principalmente di cittadini cinesi, ricorreva anche alla combinazione di matrimoni o convivenze fittizie con cittadini italiani, che si prestavano allo scopo in cambio di somme di denaro che si aggiravano tra i 1000 e i 2000 euro.

Il vertice del sodalizio è costituito da due coniugi italiani e da una cittadina cinese.

In particolare, quest’ultima reclutava suoi connazionali, che in mancanza di altri requisiti leciti, erano interessati a rinnovare il titolo di soggiorno attraverso questo meccanismo fraudolento, mentre, i coniugi di nazionalità italiana, suoi stretti collaboratori, si occupavano di individuare i soggetti disposti a formalizzare matrimonio o convivenza con soggetti in realtà sconosciuti, dietro la promessa di ottimi e facili guadagni. I promotori di detta illecita attività, oltre all’assistenza logistica, si occupavano anche di organizzare il matrimonio e garantire così ai cittadini stranieri, tutti i vantaggi da questo derivanti, traendone cospicui profitti.

Coinvolto un poliziotto

Nel prosieguo dell’attività d’indagine, emergeva anche la figura di un poliziotto in servizio alla Questura di Catanzaro, per il quale i successivi, scrupolosi approfondimenti investigativi facevano emergere la dedizione alla gestione e sfruttamento di un giro di prostituzione di donne di diverse nazionalità, alle quali venivano procacciati clienti e messe a disposizione strutture ricettive o appartamenti, con il coinvolgimento di altri indagati, nella messa a disposizione di immobili utilizzati per la prostituzione ovvero nel favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio