Il viaggio continua

Migranti, la corsa contro il tempo per lasciare l’Italia: stazione dei treni di Roccella presa d’assalto

VIDEO | I profughi non richiedenti asilo hanno una settimana di tempo per abbandonare il Paese o rimpatriare. In molti voglio raggiungere i familiari che si trovano in altre nazioni europee: «È stato bello stare qui anche per un giorno solo»

177
di Ilario  Balì
15 novembre 2022
11:00

«Questo è un grande Paese, adoriamo l'Italia che ha sempre avuto un buon comportamento con i rifugiati, e vogliamo dire grazie». Hanno appena ricevuto il foglio di via dalla Questura di Reggio Calabria. Da quel momento per loro, e per tutti quelli che verranno, la legge è chiara: non possono stare in Italia e hanno una settimana di tempo per lasciare il Paese o rimpatriare. Sono i migranti non richiedenti asilo ospitati nella tensostruttura di Roccella Jonica, completamente svuotata per lasciar spazio agli ultimi profughi giunti ieri nella Locride.


Si tratta principalmente di disperati che fuggono dall’Afghanistan, e che vogliono unirsi ai familiari che vivono in altri Paesi europei e che adesso dovranno trovare una nuova sistemazione con in spalla i loro zaini carichi di speranza. Alla stazione di Roccella arrivano dopo aver percorso un lungo tratto di lungomare a piedi dal porto. Guardano i tabelloni luminosi con gli orari dei treni verso Roma o Milano tenendo in mano i decreti di respingimento. Altri sostano in piazzetta e cercano con ogni mezzo e possibilità di andare via dal paese che gli ha accolti dopo un estenuante viaggio in mare, ma senza un minimo di informazione e assistenza, in altre parole in maniera autonoma.

«Questa esperienza è stata un pò sporca a causa della congestione e del sovraffollamento poiché ci sono fin troppi immigrati qui – racconta un giovane afgano appena fuori dall’area portuale roccellese - tuttavia è andata bene. Ora lasceremo l’Italia, è stato bello stare qui anche per un giorno solo». A poca distanza un altro gruppetto di giovani migranti, anche loro provenienti da Kabul.

«È stato tutto perfetto qui, la situazione, la gente, tutti sono stati molto gentili e amichevoli – osserva - io e la mia famiglia siamo felici. Voglio andare in Germania adesso, insieme ai miei familiari». Tra gli oltre 10 mila migranti soccorsi nella Locride nel 2022 c’è anche Mohammed, un giornalista e reporter afghano scappato dal suo paese d’origine. «Noi giornalisti in Afganistan, quando i talebani hanno preso il controllo, abbiamo dovuto lasciare il Paese – spiega - è per questo che siamo qui. Io voglio andare in Svizzera per continuare a studiare».

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top