'Ndrangheta: clan Mancuso, sei condanne e tre prescrizioni in Appello

Assolto Giovanni Mancuso. La sentenza di secondo grado al termine del processo nato dall'operazione Genesi scattata nel 2000

di G. B.
28 febbraio 2018
17:23

Si è concluso con 6 condanne, un’assoluzione e tre prescrizioni il processo d’Appello a Catanzaro al clan Mancuso di Limbadi e Nicotera nato dall’operazione antimafia denominata “Genesi”, scattata nell’agosto del 2000.

 


Le condanne

Confermati sei anni di reclusione a testa  per i fratelli Diego, Pantaleone (detto “l’Ingegnere”) e Francesco Mancuso, e poi per Giuseppe Santaguida, parente dei Mancuso. A 13 anni di carcere è stato condannato Nazzareno Prostamo di San Giovanni di Mileto, a 6 anni Nicola Zungri di Rosarno. Assolto Giovanni Mancuso, 77 anni di Limbadi, zio degli altri di imputati, che in primo grado era stato condannato a sei anni dal Tribunale di Vibo per associazione mafiosa.

 

Ridimensionate le richieste dei pm

Prescrizione per Pasquale Pititto di San Giovanni di Mileto, Rocco Angiolini di Dinami e Mauro Campisi di Monsoreto di Dinami. Associazione mafiosa, traffico di droga e armi, usura, rapina ed estorsione i reati a vario titolo contestati. In primo grado i pm della Dda di Catanzaro Giuseppe Borrelli e Simona Rossi avevano chiesto condanne per 379 anni di carcere nei confronti di 42 imputati. In 31 erano stati però assolti nel 2013 dal Tribunale di Vibo e le assoluzioni - in mancanza di impugnazione da parte della Procura distrettuale - sono poi divenute definitive.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top