La sentenza

‘Ndrangheta nel Cosentino e Crotonese, definitive le condanne per gli imputati nel processo Six towns

La Corte di Cassazione conferma l'impianto accusatorio portato in aula dalla procura antimafia di Catanzaro. Accolto solo il ricorso presentato dall'immobiliarista Giovanni Battista Lombardo. La sua posizione ritorna in Appello

16
di Antonio Alizzi
27 ottobre 2022
10:49
La Corte di Cassazione
La Corte di Cassazione

Dopo la sentenza (quasi) definitiva nel processo abbreviato denominato “Six Towns”, la Corte di Cassazione, prima sezione penale, ha emesso anche il verdetto finale, ma non per tutti, contro gli imputati che avevano scelto di farsi giudicare con il rito ordinario. Nella seduta del 26 ottobre 2022, gli ermellini hanno annullato con rinvio la sentenza impegnata da Giovanni Battista Lombardo, immobiliarista di Castelsilano, precedentemente condannato in primo e secondo grado a 12 anni di carcere, per i suoi presunti rapporti mafiosi con la ‘ndrangheta crotonese, quella della cosca Marrazzo, e cosentina, riconducibili alla cellula nata negli ultimi anni a San Giovanni in Fiore.

Il ricorso, presentato dall’avvocato Enzo Belvedere del foro di Cosenza, è stato l’unico accolto dalla Cassazione, la quale ha convenuto con il legale sul fatto che la posizione di Lombardo dovrà essere nuovamente valutata dai giudici della Corte d’Appello di Catanzaro, con un’altra composizione giudicante, essendo emerse numerose contraddizioni nella motivazione che ha portato alla precedente condanne. Giovanni Battista Lombardo è difeso anche da Luca Cianferoni del Foro di Roma.


Rigettati, infine, i ricorsi avanzati da Maria Caterina Di Biase (7 anni e 8 mesi), Angelo Oliveri (16 anni e 9 mesi), Carlo Oliverio (16 anni e 9 mesi), Silvana Pagliaro (14 anni), Francesco Salerno (10 anni), Giovanni Spina Iaconis (17 anni), Pietro Tassone (18 anni), William Urso Benedetto (un anno e 5 mesi), Antonio Tursi (6 anni e 6 mesi), Maurizio Fontana (9 anni) e Carmine Ventrone (10 anni e 6 mesi). Gli imputati condannati in via definitiva dovranno ottemperare anche al pagamento delle spese processuali.

L’inchiesta “Six Towns”, avviata dalla Dda di Catanzaro coordinata dal procuratore Nicola Gratteri, mirava a smantellare la ‘ndrina di Belvedere Spinello, comune situato in provincia di Crotone, che comandava su sei paesi, con proiezioni territoriali nei comuni di Rocca di Neto, Caccuri, Castelsilano, San Giovanni in Fiore e Cerenzia, con ramificazioni fino a Rho in provincia di Milano.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top