Narcotraffico

Operazione Crypto, la droga portata in Calabria con l’auto e ovuli ingeriti da una donna

Dalle intercettazioni emergono nuovi particolari sull'inchiesta della Dda di Reggio Calabria. Parlando insieme ad un altro indagato, Antonio Stelitano svela il sistema di trasporto dello stupefacente in partenza dalla Germania

104
di Redazione
15 settembre 2021
10:13
Foto d’archivio (ansa)
Foto d’archivio (ansa)

Viaggiava in auto oppure utilizzando le cosiddette “donne ovulatrici”. Così la droga veniva trasferita in Italia ed arrivava fino in Calabria. È quanto emerge dall’inchiesta “Crypto”che ha svelato un presunto sistema di narcotraffico internazionale, la cui base operativa era a Reggio Calabria e, in particolare, nella fascia tirrenica della provincia.

Inchiesta Crypto, le intercettazioni

Fra le persone finite in manette vi è anche un reggino, Antonio Stelitano, 39 anni, il quale, nel corso delle conversazioni intercettate, si lascia andare ad una serie di dichiarazioni che lo mettono in una posizione piuttosto complicata.


Parlando insieme ad un altro indagato, Alex Alcantara, Stelitano spiega di aver trasportato la droga da un luogo non meglio specificato, passando per la Germania. Lì, nonostante avesse un’auto con targa italiana ed avesse sorpassato un’auto della Polizia, non sarebbe stato fermato. La ragione di questa serenità risiede – a giudizio di Stelitano – nell’orario scelto per la partenza: mezzogiorno circa, orario in cui non veniva fermato né sottoposto a controllo dalle autorità tedesche.

«L’altro giorno quando sono andato – afferma Stelitano nel corso della conversazione – c’era la … – incompr. – … però non era tanto buo … era buona però era quella che si rompe … la cosa … però questo ragazzo qua ha detto … «aspetta che ti faccio …» … aveva un timbro uno uno sette … non c’era nessuno … ha detto … «io ora sai che faccio?» … sono andato alla macchina … me la carico e me la porto … c’era il ragazzo con me … «no … – incompr. – … tu sei pazzo» … OMISSIS … non ti ferma nessuno … ti fermano se lo sanno … io sono andato cinque volte con la macchina e non mi hanno mai fermato … OMISSIS … in Germania sono passato … la polizia … io l’ho sorpassata … io davanti a loro tranquillo … non mi hanno detto niente … OMISSIS … io lo so che la macchina italiana … però faccio sempre lo stesso orario … parto sempre da lì verso mezzogiorno, l’una e arrivo a Milano la sera … a quell’orario la non c’è mai nessuno…».

La droga trasportata con ovuli ingeriti

Ma non solo. Stelitano racconta anche di aver usufruito di una donna, la quale si sarebbe prestata a trasferire la droga all’interno di ovuli ingeriti. «Io ho trovato – prosegue ancor Stelitano – ha cinquantacinque anni … è marocchina, marocchina e cicciona … e lei mi ha detto «vengo io … io mi metto …» … OMISSIS … lei ha detto «io la metto tutta qua» … e dice … e lei ha detto «io la porto sempre cosi e non mi hanno mai».

Conversazioni che, a giudizio del gip, integrano in modo chiaro gli elementi a carico di Stelitano, tanto da deciderne la custodia cautelare in carcere. Decisione arrivata anche per il “socio” in affari Alex Alcantara.

LEGGI ANCHE: Crypto, al Porto di Gioia Tauro la droga estratta a bordo delle navi senza scaricare i contanier

Traffico di droga, fiumi di coca anche nel Cosentino: dallo Stretto al Crati un’organizzazione capillare

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top