Carcere di Arghillà, detenuti in protesta battono sulle sbarre

Le motivazioni dello stato di agitazione sarebbero legate alla gestione dei conti correnti interni sui quali i familiari dei detenuti depositano somme di denaro a beneficio dei loro congiunti

di Redazione
19 febbraio 2018
10:41

Detenuti in stato di agitazione in stato di agitazione nel carcere reggino di Arghillà. Un'ottantina di detenuti della sezione ad alta sicurezza sta mettendo in atto la battitura ad orari programmati delle sbarre in segno di protesta. A riferirlo è la Uilpa Penitenziari, spiegando che già alla fine della scorsa settimana nella struttura detentiva era scattato il rifiuto del vitto. Ora la battitura delle inferriate indica un innalzarsi del livello della protesta, che resta comunque pacifica, ma risulta più complessa da gestire da parte del personale di polizia penitenziaria.

 


I detenuti lamentano disfunzioni e ritardi di tipo amministrativo-contabile per quanto riguarda la gestione dei conti correnti interni, su cui i familiari depositano somme di denaro, oppure nella gestione dei vaglia che vanno cambiati all'ufficio postale; e inoltre problemi riguardanti la frequenza dei colloqui con i familiari.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio