Scarcerazioni, Salvini: «Boss a casa. Lo Stato si arrende alla ‘ndrangheta»

Il leader della Lega: «È uno schiaffo alle forze dell’ordine, ai magistrati, ai cittadini perbene. La Calabria non lo merita»

86
di Redazione
8 maggio 2020
13:41
Il leader della Lega, Matteo Salvini
Il leader della Lega, Matteo Salvini

Anche il leader della Lega, Matteo Salvini, entra in merito alle scarcerazioni di boss e gregari a causa del coronavirus: «Con la scusa del virus, in Calabria stanno tornando a casa molti pezzi grossi della ‘ndrangheta. È uno schiaffo alle forze dell’ordine, ai magistrati, ai cittadini perbene. Siamo di fronte a una sciagura che rischia di cancellare anni di sacrifici e di indagini».

LEGGI ANCHE: 'Ndrangheta, ecco boss e gregari già scarcerati. Altri 400 in lista d’uscita

E ancora: «Il 15 agosto 2018, da ministro dell’Interno, avevo organizzato il Comitato nazionale per la sicurezza a San Luca. Era un messaggio chiarissimo: lo Stato non abbandona i cittadini perbene. Ora – conclude - il messaggio è esattamente l’opposto: lo Stato si arrende. La Calabria e tutta l’Italia non lo meritano».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio