Siderno, la corte d'Appello ha deciso: Fuda resta incandidabile

Confermata per l'ex primo cittadino la sentenza di primo grado. I legali: «Valuteremo il ricorso in Cassazione»

9
di Ilario  Balì
15 luglio 2020
20:52
Pietro Fuda
Pietro Fuda

La Corte d’Appello di Reggio Calabria ha confermato la sentenza di incandidabilità per un turno elettorale nei confronti dell’ex sindaco di Siderno Pietro Fuda, per il quale il Viminale aveva avviato la procedura dopo lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

La corte ha preso in esame le questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 143, sia in relazione alla carta costituzionale italiana sia alla convenzione europea dei diritti dell’uomo, sostenendo che non si tratta di una sanzione di incandidabilità di natura penale, ma di una misura meramente interdittiva di carattere preventivo.

La sentenza arriva a poche settimane dalla presentazione delle liste per le prossime elezioni comunali, previste per il 20 settembre. Una competizione a cui Fuda non aveva mai fatto mistero di voler prendere parte per proseguire la sua azione amministrativa interrotta dopo lo scioglimento per mafia.

«Valuteremo bene le motivazioni che a prima vista non ci convincono e decideremo se proporre il ricorso in Cassazione» ha affermato il legale di Fuda, l’avvocato Francesco Macrì.

 

LEGGI ANCHE:

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio