La libreria di strada a Soverato: 4mila volumi per avvicinare alla lettura

VIDEO |  Tantissimi testi disponibili nel grazioso contenitore culturale sul lungomare della città ionica. Un progetto per ridare dignità ai libri, spesso recuperati in discarica

155
di Rossella  Galati
14 agosto 2020
14:48

Salvare i libri dalla discarica e ridargli nuova vita, nasce da questo l’associazione a resistere di stampo culturale, come amano sottolineare i fondatori, Kalibreria di Soverato, intitolata al compianto poeta soveratese Vito Maida. «Noi raccogliamo i libri, la gente ce li può donare anziché buttarli via e noi in modo gratuito li diamo in prestito riassegnandogli la funzione propria e cioè quella di essere letti e non sicuramente di essere buttati in discarica o in depositi e cantine – ha spiegato il presidente dell’associazione Domenico Commisso -. Vogliamo resistere attraverso lo sviluppo e la diffusione della cultura, non resistere e basta. Cerchiamo di migliorare quello  che ci circonda, altrimenti non avrebbe senso».

La filosofia del recupero

Un progetto semplice e ambizioso allo stesso tempo che segue la filosofia del recupero, e non soltanto dei libri: «Siamo partiti recuperando  libri destinati al macero e questa filosofia poi è stata estesa anche alla struttura – ha aggiunto Francesco Mazzotta, della stessa associazione -: utilizziamo materiali riciclati cercando anche di muoverci verso un’ottica ambientalista e promuovendo un cambiamento nello stile di vita delle persone. Sappiamo che è una cosa molto difficile ma cultura vuol dire anche questo cioè avvicinarci al benessere collettivo».

4000 volumi

La graziosa libreria di strada, aperta tutti i giorni dalle 17.00 alle 23.00, si trova sul lungomare della città dell’ippocampo, un luogo in cui movida e cultura si incontrano e si confondono anche grazie alle iniziative che l’associazione ha organizzato nel periodo estivo per offrire interessanti momenti di dibattito e confronto: «Abbiamo voluto mostrare e dire alle persone che c’è anche dell’altro e non è semplice – ha aggiunto Commisso -. D’inverno abbiamo una sede fissa al chiuso ma la biblioteca di prossimità o di strada fa avvicinare molto di più le persone perché non si sentono in imbarazzo e sono a loro agio».


Quasi 4000 i volumi disponibili. «Abbiamo fatto richiesta al Sistema Bibliotecario Regionale per essere riconosciuti come biblioteca – fa sapere il presidente dell’associazione -. Non dovrebbero esserci problemi e nel momento in cui ci daranno il software li catalogheremo e metteremo il catalogo a disposizione dei lettori anche online».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio