Competenza e sinergia

Turismo, da quando c’è il Covid più visitatori in Sila: ampliata l’offerta di accoglienza

VIDEO | Inaugurato il calendario di incontri tra enti pubblici e operatori privati. Otto nel complesso gli appuntamenti di formazione, dibattito e approfondimento con il patrocinio di Regione, Parco Nazionale, Camera di Commercio e Unical

17
di Salvatore Bruno
18 novembre 2021
15:36

Sono otto gli appuntamenti programmati nell'ambito degli Incontri sul turismo montano sostenibile, inaugurati a San Giovanni in Fiore lo scorso 15 novembre e promossi dalla rete imprenditoriale Destinazione Sila, con l'obiettivo di coordinare le azioni tra enti pubblici e soggetti privati, finalizzate ad ampliare e qualificare l'offerta dell'accoglienza sull'altopiano.

La pandemia come opportunità

La diffusione della pandemia ha spostato l'interesse dei turisti verso luoghi incontaminati, con spazi all'aria aperta dove il distanziamento sia garantito. Un elemento che si aggiunge alla salubrità dell'aria, al fascino paesaggistico, alle antiche tradizioni agricole ed artigianali, alla varietà enogastronomica che la Sila nel suo complesso, è in grado di offrire. Un insieme di caratteristiche che rendono questo territorio particolarmente ambito.


Il Distretto Turistico

Con il patrocinio della Regione, del Parco Nazionale, della Camera di Commercio di Cosenza e dell'Università della Calabria, si guarda con interesse al decollo del Distretto Turistico, formalmente già costituito, su cui il confronto sarà aperto il prossimo 26 novembre, nell'ambito del dibattito in programma alle ore 16 nel polifuzionale Futura Park, a San Giovanni in fiore, con la partecipazione annunciata del presidente della Regione Roberto Occhiuto.

Competenze e sinergie

«Il modello di sviluppo del turismo sostenibile che stiamo realizzando non può prescindere dalla costruzione di un momento di dialogo, confronto e coordinamento tra gli stakeholder, pubblici e privati, coinvolti nel processo - afferma Daniele Donnici, presidente di Destinazione Sila - E’ necessario acquisire nuove competenze e puntare su una maggiore digitalizzazione. La pandemia offre opportunità inaspettate: l’interruzione dei viaggi internazionali ha fatto sì che la Sila conoscesse un boom di richieste. Se, fino al 2019, registravamo prevalentemente flussi turistici dalle regioni di prossimità quali Puglia, Sicilia e Campania, da quando è scoppiata l’emergenza Covid, abbiamo notato che l’intero territorio nazionale ha iniziato ad apprezzare di più il Parco Nazionale della Sila».

I prossimi appuntamenti

Ecco il programma dei prossimi incontri in calendario:

18 novembre - ore 16 Museo dell’Artigianato silano e della Difesa del suolo - Longobucco: Workshop CETS, STRUMENTO PER IL TURISMO SOSTENIBILE

23 novembre - ore 9,30 / 18 Hotel Tasso - Camigliatello Silano Seminario Formativo: MARKETING, MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

24 novembre COACHING INDIVIDUALE CON LE AZIENDE

25 novembre - ore 10:00 Sede Ente Parco Nazionale della Sila - Lorica Workshop CO-GENERATION MEETING: PIANO OPERATIVO 2022-2024

26 novembre - ore 16:00 Polifunzionale Futura Park - San Giovanni in Fiore Incontro - Dibattito DISTRETTO TURISTICO: ALTOPIANO DELLA SILA

27 novembre - ore 15:00 Agriturismo Biosila - Acri Workshop PRODOTTI TURISTICI ESPERIENZIALI E SOSTENIBILI

28 novembre EDUCATIONAL TOUR: TURISMO OUTDOOR

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top