Crotone, l’opposizione interroga il sindaco sui rifiuti: «Che intende fare per superare l’emergenza?»

I consiglieri comunali Enrico Pedace e Fabiola Marrelli presentano un’interrogazione al primo cittadino per chiedere quali misure si stiano adottando per risolvere il problema

1
di Redazione
3 gennaio 2021
19:49

A Crotone ci sono troppi cumuli di rifiuti maleodoranti che «oltre a deturpare l’immagine della città, possono mettere a rischio la salute dei cittadini» e invadono i marciapiedi generando «problemi anche di percorribilità dei marciapiedi con gravi ripercussioni sui cittadini e sui soggetti diversamente abili». È quanto sostengono i consiglieri comunali, Enrico Pedace e Fabiola Marrelli, del gruppo “ConSenso”, in una interrogazione scritta presentata al sindaco della città Vincenzo Voce sull’emergenza rifiuti, esplosa nelle ultime settimane, a causa dei problemi di conferimento al selezionatore di Ponticelli e alla discarica di Columbra, danneggiati dal maltempo.

Interrogazione al sindaco

Nel documento, i due consiglieri scrivono che «un numero crescente di crotonesi lamenta da tempo disservizi nella raccolta» e «le vie della città, in alcuni punti si trovano completamente bloccate da cumuli di rifiuti che il vento di questi giorni ha sparso dappertutto». Per questo, chiedono al sindaco, «quali misure intende adottare per l'immediata eliminazione dei cumuli di rifiuti sparsi in varie zone della città, nonché per l'eventuale bonifica delle stesse».
Pedace e Marrelli vogliono sapere anche «se l'Amministrazione comunale ha provveduto a scrivere e/o contestare formalmente alla società che gestisce l'impianto di Ponticelli, per conoscere le metodiche scelte per lo scarico dei mezzi carichi di rifiuti e se per Crotone, città capoluogo, dove l'impianto insiste, è stata creata una corsia preferenziale per fare scaricare i rifiuti ai mezzi della società Akrea (ad esempio con il lavoro notturno per ovviare a questa fase di emergenza)».


Emergenza si ripete spesso

I due consiglieri, infine, chiedono a Voce «quali sono le misure urgenti che intende adottare per ovviare alla problematica esistente che non può essere addebitabile al solo evento alluvionale poiché tale incresciosa situazione si ripete sovente».
A Crotone, la raccolta dei rifiuti è ripresa il 30 dicembre scorso con un’operazione intensiva dopo due settimane di stop a causa del blocco dell’impianto di Ponticelli, ora tornato in funzione, e della discarica di Columbra la cui apertura è stata annunciata per l’8 gennaio prossimo. Per tornare alla normalità ci vorrà qualche giorno, ma – come sottolineato dallo stesso sindaco – l’emergenza potrebbe non essere del tutto finita.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio