Elezioni comunali San Giovanni in Fiore LIVE - Risultati e notizie in tempo reale

Lo spoglio dei voti per il primo turno delle elezioni comunali inizierà alle ore 9 di domani, martedì 22 settembre. Segui tutti gli aggiornamenti e le notizie in tempo reale

33
di Redazione
22 settembre 2020
09:36

È stata sfida all’ultimo voto anche a San Giovanni in Fiore. Qui, a contendersi la fascia tricolore sono stati Domenico Caruso, Pietro Silletta, Rosario Succurro, Antonio Barile, Domenico Lacava, Antonio Lopez e Salvatore Mancina. Mario Oliverio, già presidente della Regione, per la prima volta è stato assente dai giochi politici del suo territorio dopo cinquant'anni.

I risultati

Sarà ballottaggio a San Giovanni in Fiore tra Rosaria Succurro che conquista 2695 voti (25,62%) e Antonio Barile (19,72%) che si attesta a 2075 preferenze. 

Pietro Silletta si ferma a 1875, Salvatore Mancina 1484, Domenico Lacava 1374, Domenico Cruso 729, Antonio Lopez 289


LEGGI ANCHE: 
Elezioni a San Giovanni in Fiore: Barile spavaldo: «Vinco io»

San Giovanni in Fiore al ballottaggio, Succurro: «Centrodestra dalla mia parte»


I candidati a sindaco e le liste

  • Salvatore Mancina, liste: San Giovanni in movimento; Mancina Sindaco

  • Rosaria Succurro, liste: Forza Italia; Il Fiore di San Giovanni; Fratelli d’Italia; San Giovanni Capitale, Succurro sindaco

  • Domenico Lacava, liste: Partito democratico; Adesso Lacava

  • Pietro Silletta, lista: Guardiamo al futuro; Rinascita florense

  • Antonio Lopez, liste: Prima San Giovanni in Fiore

  • Antonio Barile, liste: Barile sindaco

  • Domenico Caruso, liste: Progetto fiore

La legge elettorale

La legge elettorale prevede un sistema di tipo maggioritario per ciò che concerne l’elezione del sindaco, mentre la ripartizione dei consiglieri avviene con un sistema proporzionale. Per ragioni di governabilità, al candidato sindaco che risulterà vincitore sarà attribuito il 60% dei seggi. I restanti posti, all’interno dell’assise comunale, saranno assegnati alle altre liste in maniera proporzionale, secondo il “metodo D’Hondt”. Il numero di consiglieri comunali sarà di 32, escluso il sindaco. Otterranno un seggio tutte le liste e i gruppi di liste di candidati che avranno superato una soglia di sbarramento che la legge fissa nel 3% dei voti.

È possibile il voto disgiunto

A differenza delle elezioni regionali dove si era vincolati alla scelta di un candidato al Consiglio collegato al presidente indicato dalla coalizione, alle Comunali è stato possibile il voto disgiunto. L’elettore dunque potrà scegliere un candidato al Consiglio di un partito di centrosinistra e votare per il candidato sindaco del centrodestra e viceversa.

O comunque scegliere liberamente sia il consigliere comunale, di qualunque partito, e poi indicare il candidato sindaco senza che sia necessario alcun collegamento. Il voto così espresso viene attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata prescelta. In questo modo appunto i voti vanno da una parte (alla lista ed al consigliere) e contemporaneamente anche a un sindaco di un altro partito o coalizione.

Doppia preferenza di genere

Possibile per l’elettore inserire nella scheda due voti di preferenza sulla lista, uno per ogni genere (uomo/donna), ma non due uomini o due donne. Non per due uomini o per due donne. Si può votare ancora anche solo per un Consigliere. Questi voti così espressi (alla lista ed ai consiglieri), vanno automaticamente al candidato sindaco. A meno che, come illustrato prima, l’elettore non opti per il voto disgiunto indicando il candidato sindaco sostenuto da altra lista.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio