Tormentata dalle piaghe da decubito, da otto mesi attende risposte dall’Asp

Della vicenda protagonista un’ottantenne di Lamezia. A denunciarne il dramma il consigliere comunale di Patto Sociale Giancarlo Nicotera

17
di T. B.
22 marzo 2019
13:13

Afflitta da piaghe da decubito a ottanta anni e da otto mesi senza aiuti o risposte. A denunciare il dramma di un’anziana donna di Lamezia Terme è il consigliere comunale di Patto Sociale Giancarlo Nicotera. «I parenti di questa signora, allettata e di ottanta anni, in oltre otto mesi non hanno mai ricevuto risposte da parte dell'Asp di Catanzaro in merito alla richiesta presentata in data 16.07.2018 agli Uffici Ausili e Presidi di Lamezia Terme per ottenere un apparecchietto Npwt (Terapia topica a pressione negativa) utile a curare e lenire le piaghe da decubito. È palese - afferma Nicotera - che, senza scomodare i narrati biblici, le piaghe sono tra le afflizioni peggiori che una persona possa patire. Orbene perché? Perché si èlasciata una paziente soffrire inutilmente per tutto questo tempo?».

 

In particolare il consigliere si chiede «perché - chiede il consigliere - nessuno ha mai dato alcun cenno di risposta a tale richiesta ai parenti di questa sventurata paziente? Oltre alle enormi sofferenze che potevano essere evitate, ci sono per la signora palesi rischi di infezioni e peggioramenti che potrebbero rivelarsi mortali. È questa - conclude - la sanità pubblica di oggi? È questa la sanità che vogliamo? No» .

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio