Basso profilo, de Magistris: «Indagai Cesa anni fa, il tempo è galantuomo»

L'ex pm, candidato in Calabria, ricorda i fatti risalenti all'indagine "Poseidone" che vide coinvolti nomi eccellenti tra cui quello del segretario nazionale Udc 

451
di Alessia Principe
21 gennaio 2021
13:58

Come si dice: aspetta il nemico sulla riva del fiume. E così Luigi de Magistris, in corsa per la presidenza della Regione Calabria, a quanto pare da quell’argine non si è mai mosso aspettando il momento giusto per dire la sua. Momento che è arrivato oggi, sull'onda lunga dell'operazione "Basso profilo", l'occasione d'oro per il sindaco di Napoli per togliersi più di un sassolino dalle scarpe.

«Il tempo si sta mostrando galantuomo – scrive l’ex pm -. Negli anni tra il 2005 e il 2007, da pm nell’ambito dell’indagine Poseidone sulla depurazione delle acque, rifiuti e gestione del denaro pubblico in altri settori vitali della Regione Calabria, indagai, tra gli altri, per fatti gravi, l’allora segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, unitamente all’allora parlamentare e sottosegretario di governo Giuseppe Galati. Mentre ero in procinto di procedere anche alla richiesta di misure cautelari il Procuratore della Repubblica, invece di sostenermi, mi revocò l’indagine perché iscrissi nel registro degli indagati anche il parlamentare Giancarlo Pittelli, all’epoca coordinatore regionale di Forza Italia».


De Magistris, manifestando sostegno all’attività dei magistrati, affonda: «Cesa, ancora come allora segretario nazionale dell’Udc, viene oggi indagato per fatti altrettanto gravi; Galati è stato in tempi recenti anche coinvolto in indagini per fatti gravissimi; Pittelli è stato arrestato nel dicembre del 2019 per associazione mafiosa. Abbiamo perso dieci anni, quante ne hanno fatte loro ed altri in questi anni ai danni della Calabria e dei calabresi».

LEGGI ANCHE:
Basso profilo, Gratteri: «Cesa a pranzo con indagati per appalti»
Basso profilo, gli indagati temevano Gratteri: «Sta scoperchiando il pentolone»
Basso profilo, Gratteri: «Dimostrato il rapporto diretto tra imprenditori, politici e clan»

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top